marina ripa di meana

Marina Ripa di Meana sapeva che sarebbe morta, era perfettamente cosciente del fatto che negli ultimi giorni le sue condizioni sarebbero d’improvviso precipitate, conducendola ad una dolorosa morte. La nobildonna lo sapeva e, nella sua estrosità, ha voluto pensare di lasciare il suo pubblico una volta per tutte in un video testamento diffuso in esclusiva dal TG5.

Il video testamento di Marina Ripa di Meana

La sua morte è arrivata inaspettata per il pubblico ma non così tanto improvvisa per familiari e amici. Marina Ripa di Meana combatteva contro il cancro da oltre 16 anni e gli ultimi 20 giorni le sue condizioni di salute si sono aggravate in maniera irreversibile.

Sarà il mio ultimo Natale“, aveva confessato ad alcuni amici intimi la donna. Sapeva che da lì a poco la sua lotta contro il cancro sarebbe finita e che non ne sarebbe affatto uscita vincitrice. Nella sua estrosità, schiettezza e volontà di rimanere unica ed indimenticabile, Marina Ripa di Meana aveva deciso qualche giorno fa di riprendersi in compagnia dell’amica Cascioni in quello che ad oggi risulta essere un mero video testamento.

marina ripa di meana

Marina Ripa di Meana

Fatelo sapere“, l’ultimo messaggio di Marina Ripa di Meana sulla sedazione profonda

Impossibilitata dal parlare, dal muoversi e quasi dal respirare, l’ultima apparizione di Marina Ripa di Meana è sofferta, logorante.

Edace, il suo cancro ha avanzato a passo sempre più veloce negli ultimi giorni della sua esistenza: “Ho qui un messaggio da leggere” spiega la donna con voce flebile, arresasi già all’atroce destino che le impedisce anche solo di poter essere lei stessa a leggere quanto da lei scritto. “Dopo Natale le mie condizioni di salute sono precipitate – legge la Coscioni, incaricata dalla Ripa di Meana – Il respiro, la parola, alzarmi, mangiare tutto ormai mi è difficile, mi procura dolore insopportabile“. Continua così la lettera: “Il momento della fine è davvero giunto – scrive la donna, confessando all’amica di aver pensato al suicidio assistito in Svizzera – Mi ha detto che potevo percorrere la via italiana delle cure palliative, con la sedazione profonda“.

marina ripa di meana

Marina Ripa di Meana

Ad udir le parole della Farina Coscioni, sembra che la scrittrice non fosse al corrente di questa cura palliativa fino a poco tempo fa, motivo che sicuramente l’ha spinta a lasciare un video messaggio rivolgendosi a chi, come lei, combatte una battaglia pensando unicamente alla Svizzera come ultima sofferenza. “Voglio lanciare questo messaggio per dire che a casa propria o in un ospedale con un tumore una persona deve sapere che può tornare alla terra senza ulteriori e inutili sofferenze. Fatelo sapere“.

Per vedere il video testamento di Marina Ripa di Meana cliccare qui.