Violentata con un cric: mamma muore dissanguata con l'utero lacerato

Dopo essere stata violentata la donna è stata lasciata a morire dissanguata nella sua auto dal suo assalitore, un 19enne che lei conosceva

Una 41enne russa è morta vicino a Saratov, nel sud del Paese, in seguito ad un violento stupro ad opera di un suo conoscente. Il ragazzo, 19 anni, la stava accompagnando a casa dopo il funerale di un amico comune quando ha deciso di fermare l’auto in una zona isolata e l’ha violentata. Dopo la violenza il ragazzo avrebbe abbandonato l’auto lasciando la donna al suo interno ferita a morte: il 19enne, un ragazzo della zona senza precedenti penali, avrebbe infatti utilizzato per lo stupro il cric che si trovava nell’auto. La donna, madre di due ragazzini di 13 e 11 anni, è morta in ospedale durante la notte. Il suo aggressore, fermato dalla polizia, ha subito confessato l’accaduto.



La violenza al ritorno da un funerale

Era andata al funerale di un amico e aveva chiesto un passaggio a quel ragazzo che conosceva e di cui probabilmente si fidava. Sulla via del ritorno il 19enne, che non ha fornito agli investigatori alcuna spiegazione per il suo gesto, l’ha aggredita sessualmente con ferocia: interrogato dalla polizia il giovane avrebbe infatti confessato di aver utilizzato per lo stupro il cric che si trovava nell’auto. I soccorritori hanno trovato l’oggetto coperto di sangue sul sedile di fianco alla vittima. La donna è morta nella notte lasciando una figlia di 13 e un figlio di 11 anni. Il ragazzo, interrogato dalla polizia una volta accertato come proprietario dell’auto in cui è stata trovata la vittima, ha confessato il crimine e ha raccontato l’efferata violenza con cui l’ha aggredita.



violentata mamma russia

La donna, morta dissanguata dopo essere stata violentata, lascia due figli adolescenti. Foto: east2west news



L’ha lasciata in auto a morire dissanguata

Aveva perso 3 litri di sangue quando l’hanno ritrovata. L’ha lasciata in auto a morire dissanguata”: così un’amica della vittima ha raccontato l’orrore dopo la violenza subita dalla 41enne. Insospettiti dalla vettura abbandonata, alcuni passanti si sono avvicinati e hanno trovato la donna quasi morta dissanguata in seguito alle lesioni riportate durante la violenza. Il cric che le avrebbe squarciato l’utero e danneggiato gli organi interni. “I medici hanno tentato tutta la notte di salvarle la vita, hanno dovuto rianimarla due volte, ma non c’è stato nulla da fare”: ha detto l’amica ai giornali russi in un’intervista ripresa poi dal Daily Mail. Il funerale è stato celebrato il giorno successivo alla morte della donna a Saratov, città dove abitava insieme ai due figli.



violentata mamma russia saratov

La città russa di Saratov dove la 41enne viveva e dove si è consumata la violenza. Foto: Wikipedia