baglioni-lorenzo

A sentir pronunciare il cognome di Lorenzo, in tanti lo avranno associato al conduttore di Sanremo. Ma il giovane Baglioni, con il Claudio al timone del Festival, c’entra poco o niente, se non il fatto che lo ha selezionato per questa kermesse.

Questa sera si decreterà il vincitore della sezione nuove proposte, quella in cui partecipa il 31enne Lorenzo. Il brano in gara si intitola Il Congiuntivo.

Il Congiuntivo di Baglioni

Il cantante toscano ha deciso di esibirsi sul palco dell’Ariston, presentando una canzone che sensibilizzi gli italiani su una questione molto delicata.

Il Congiuntivo parla di quel modo verbale a grave rischio estinzione. In tutte i suoi tempi e in tutte le sue persone, il congiuntivo va salvato e coniugato. Crociato per la causa, il giovane Baglioni spiega nel suo brano come usare questo modo sconosciuto.

Una proposta che il pubblico sembra aver accolto abbastanza bene. Gli ha dato ragione, infatti, la giuria demoscopica che lo ha piazzato al secondo posto della classifica delle prime 4 nuove proposte. Davanti a lui solo Alice Caioli con Specchi Rotti. Mentre in coda seguono, Giulia Casieri con Come Stai e Mirkoeilcane con Stiamo Tutti Bene.

Lo stile di Lorenzo Baglioni

Da anni, in realtà Lorenzo Baglioni si è costruito una piccola nicchia di fan, soprattutto tra i giovani studenti dei licei italiani. Il 31enne laureato in matematica, con esperienza nell’insegnamento, è divenuto celebre su Youtube con alcune canzoni “didattiche”. I suoi brani spiegano in termini “pop” e un po’ parodistici i postulati più difficili da memorizzare, le leggi della fisica più ostiche, e persino la chimica rappando.

Le Leggi di Keplero - I Supplenti Italiani

Le Leggi di Keplero – I Supplenti Italiani

Con un gruppo di cui ha fatto parte, I Supplenti Italiani (che fa un po’ il verso ai Ragazzi Italiani, per chi se li ricorda) ha inciso un brano divenuto celebre.

Si tratta di Le Leggi di Keplero, argomento  che spaventa gli studenti di geografia astronomica. Un progetto realizzato con la supervisione dell’Osservatorio Astrofisico di Arcetri.