La figlia dei genitori-nonni sarà adottata, la coppia: "Sentenza non si può commentare"

La Suprema Corte conferma la decisione della Corte d'Appello di Torino: la figlia di Gabriella Carsano, oggi 65 anni, e Luigi Deambrosis, 77 anni, sarà adottata

Verrà data in adozione la bimba di 7 anni figlia della coppia “anziana” di Mirabello Monferrato, in provincia di Alessandria. La Suprema Corte ha infatti confermato la precedente decisione della Corte di Appello di Torino: stando ai giudici, i genitori non sarebbero in grado di rispondere adeguatamente ai bisogni della piccola.

La figlia dei “genitori-nonni” verrà adottata

La piccola era nata nel maggio del 2010: pochi giorni dopo la sua nascita, era stata affidata a una casa famiglia. Tutto ciò dopo una denuncia dei vicini di casa di Gabriella Carsano, oggi 65 anni, e Luigi Deambrosis, 77 anni, colpevoli a loro detta di aver lasciato la piccola in auto mentre scaricavano la spesa. Un accusa per cui i coniugi erano stati prosciolti, ma non è bastato, negli anni successivi, ad evitare che la figlia rimanesse lontano da loro. A nulla sono valse le parole del procuratore generale della Cassazione, che lo scorso Novembre si era pronunciata affinché la piccola tornasse dai genitori.

coniugi deambrosisI coniugi Deambrosis
Credits: La Stampa


Incapaci di “comprendere quali siano i bisogni emotivo-affettivi e pratici”, con il padre che si ritiene inoltre essere dipendente dai capricci della moglie, “chiusa”, come specificato, “in un processo narcisistico”. Sono queste le principali motivazioni con cui la Suprema Corte ha confermato la sentenza della Corte d’Appello di Torino che dispone il definitivo via libera all’adozione della bimba che oggi ha 7 anni.

Il dolore della coppia

Sgomenti per la decisione dei giudici, per marito e moglie la sentenza “non si può neanche commentare. Non abbiamo null’altro da dire“, come spiegato da Luigi Deambrosis, padre della bimba. Sperando in una decisione favorevole per la famiglia Deambrosis, tempo fa era nata una pagina Facebook, “Ridate la figlia alla famiglia Deambrosis”, che sperava di dar vita una campagna che facesse ribaltare la sentenza della Corte d’Appello in Cassazione. Così non è stato e per la figlia della coppia è stata ribadita l’adottabilità.

Anche il sindaco del piccolo comune dell’alessandrino, Mauro Gioanola, si era attivato con una raccolta firme nei comuni vicini per evitare che la bambina venisse tolta ai due genitori. La petizione era stata anche presentata all’avvocato della coppia, Adriana Boscaglia, affinché potesse essere presentata in Cassazione.