Vincenzo, che da 56 anni regala una colazione con dedica alla sua Annamaria

Una storia dolcissima, che viene da Frosinone, testimone di un amore longevo e duraturo

FORSINONE- Per loro è San Valentino ogni giorno: il signor Vincenzo ricorda ogni mattina alla sua amata consorte quanto lei sia importante. Lo fa portandole sempre la colazione, ormai da 56 anni.

Eppure in tutto questo tempo insieme non sono mancati i litigi. Ma senza alcun dubbio, il signor Vincenzo spiega: “I litigi sono sempre stati il sale della nostra esistenza“.

56 anni d’amore

Per loro è stato amore a prima vista, di quelli che non inganno, dal momento che sono rimasti insieme per 56 anni. Era il 1960 quando Vincenzo conobbe la sua Annamaria, la donna della vita. All’epoca aveva solo 25 anni e lei era la sua vicina di casa, in via Lecce a Frosinone.


Vincenzo che acquista il cornetto al bar per Annamaria

Vincenzo che acquista il cornetto al bar per Annamaria



Da allora l’ormai 83enne Vincenzo, ogni mattina le compra al bar un cornetto al miele, il preferito di Annamaria. Puntualmente le scrive sulla busta che lo contiene una dedica, con firma. Una vita insieme, durante la quale sono nati 6 figli: Alberto, Adamo, Eva, Margherita, Daniele e Davide.

Il segreto di Vincenzo e Anna

Viene da pensare che il loro rapporto non abbia mai conosciuto la minima incrinatura. Nulla di più sbagliato, a quanto pare, il segreto di una storia perfetta si cela proprio dietro la capacità di riuscire ad accettare tutti i difetti dell’altro e trovando il confronto in ogni litigio. Solo così si superano le difficoltà. E per l’appunto l’uomo spiega quali sono i lati del carattere di ciascuno che infastidisce l’altro. “Mi infastidisce il fatto che sia troppo esigente. Lei mi accusa di essere un superficiale, uno di quelli che rimanda sempre quello che si può fare oggi e che non si prende mai sul serio. Anche da questo si capisce che siamo Alfa e Omega”.

Lui ed Anna, sostiene, sono la prova che i poli opposti si attraggono, perché hanno caratteri completamente diversi. Infine conclude: “I litigi sono sempre stati il sale della nostra esistenza. Sono quelli che ci hanno dato lo stimolo per non cadere nella quotidianità e per ritrovarsi“.