michelle hunziker

La spumeggiante conduttrice di Sanremo 2018, insieme a Pierfrancesco Favino e Claudio Baglioni, ha rivelato un piccolo problema che l’ha accompagnata durante la kermesse. Michelle Hunziker ha infatti rivelato di avere l’alluce valgo, il quale gli ha creato non pochi fastidi sul palco dell’Ariston. La showgirl ha anche raccontato della sua famiglia allargata e della fondazione di cui è fondatrice, Doppia Difesa.

Michelle Hunziker: il momento peggiore del Festival di Sanremo

Hunziker, intervistata da Le Iene, rivela il momento peggiore del Festival: “Quando mi sono resa conto che il mio piede destro era diventato uno zampone tale che non riuscivo più a infilare la scarpa per l’alluce valgo“.

La conduttrice soffre di questa deformazione che può causare anche parecchio dolore. Non immaginiamo cosa abbia provato sul palco di Sanremo in piedi su tacchi vertiginosi la povera Michelle. La conduttrice 41enne ha dichiarato che dovrà presto operarsi per eliminare il problema.

La conduttrice rivela come ha vissuto l’esperienza all’Ariston

michelle hunziker sanremo

Michelle Hunziker, Claudio Baglioni e Pierfrancesco Favino a Sanremo 2018. Foto: Ansa

Michelle Hunziker ha rivelato anche altri dettagli della sua conduzione. Il suo cantante preferito risulta essere Ultimo, “mi emoziona“, mentre l’ospite che le è piaciuto di più è stato Pippo Baudo. Parlando dei difetti dei “compagni di conduzione”, Hunziker rivela di Baglioni: “Lui è preciso, proprio peggio di me“.

Il cantante però alla fine ha ceduto: “Guarda qualunque cosa. Infatti la cosa bella è che a un certo punto si è totalmente lasciato andare“. Diverso il discorso per Favino: “Non ne ha di difetti, è pazzesco. Sa fare tutto“.

L’amore per la famiglia allargata

L’intervista continua parlando della famiglia allargata della showgirl. La quale ha tre figlie: Aurora Ramazzotti, di 21 anni, e Sole e Celeste Trussardi, di 4  e quasi 3 anni. Michelle è al momento sposata con Tomaso Trussardi, protagonista di un romantico bacio proprio a Sanremo.

Mi mancava di brutto“, commenta la conduttrice, “Gli ho detto che è talmente bello che lo risposerei“. Hunziker rivela che le piace l’idea di un quarto figlio: “Adesso ci riproverò“, dichiara. E magari sarà il maschio che manca: “Sarebbe bello, però anche se fosse femmina, pensa che bello quattro femmine“.

L’associazione Doppia Difesa

Michelle Hunziker e Giulia Bongiorno

Michelle Hunziker e Giulia Bongiorno. Foto: Il Tempo

La conduttrice parla anche della fondazione messa in piedi insieme a Giulia Bongiorno, “Doppia Difesa“. Come spiega lei stessa: “Si occupa di aiutare vittime di violenza attraverso un’attività di assistenza psicologica, legale gratuita e anche sanitaria“. D’altronde per lei il momento migliore del Festival è stato proprio quando ha portato tante donne sul palco. La fondazione si rivolge anche agli uomini: “Aiutiamo tantissimi papà che ad esempio sono separati e non riescono più a vedere i propri figli“.

Lo scontro con Selvaggia Lucarelli

Doppia Difesa è stata al centro di una polemica con Selvaggia Lucarelli. Michelle replica alle sue critiche: “Non le abbiamo fatto vedere i bilanci perché non ci ha dato il tempo. Lei ci ha chiamato, dopo quindici minuti è stata richiamata. La persona che aveva contattato le ha detto: ‘Guardi, la faccio parlare con le socie fondatrici in modo tale da farle avere tutti i dati’“. L’opinionista però si è lanciata all’attacco il giorno dopo: “Ha scritto che non aveva i bilanci, che comunque sono pubblici“. Michelle dichiara che c’è stata proprio “una volontà di gettare fango su una cosa davvero bella ma… non c’è problema“.

Il caso Brizzi

fausto brizzi

Fausto Brizzi. Foto: Sky Tg24

Alla Hunziker viene chiesto delle denunce di molestie originatesi con lo scandalo Weinsten: “Penso che attraverso questa grande denuncia collettiva le donne riescono a fare squadra, quindi è molto importante“. In Italia queste si sono condensate con il caso di Fausto Brizzi, contro cui hanno parlato ben dieci attrici proprio a Le Iene. La conduttrice a proposito svela: “Noi in fondazione abbiamo cinque di queste ragazze che stiamo aiutando“.

Non c’è nessun messaggio per il regista: “Io aiuto le ragazze che hanno vissuto questo problema, questo dramma, e dietro questo problema c’è anche un reato e noi le difenderemo“. Di fronte al fatto che il mondo del cinema italiano si è schierato a difesa di Brizzi piuttosto che delle ragazze, Hunziker replica: “Ognuno deve avere la propria opinione, però io mi limito ad aiutare chi ha vissuto una violenza e ad accertarmi che sia davvero stata una violenza“.