Matteo Messina Denaro: 12 arresti tra chi finanzia la latitanza del boss

Questa notte sono state arrestate 12 persone ritenute vicine a Matteo Messina Denaro. Il padrino di Cosa Nostra è latitante dal 1993

Dov’è Matteo Messina Denaro? Il boss, ritenuto da molti il nuovo capo di Cosa Nostra, è latitante dal 1993. Ora una maxi operazione dei carabinieri di Trapani ha messo in manette 12 persone accusati di associazione mafiosa, estorsione, favoreggiamento e intestazione fittizia di beni.

Le indagini

Una lunghissima indagine partita nel 2014 e coordinata dal procuratore di Palermo Francesco Lo Voi mirata a scoprire come chi lavora nelle cosche e chi ha sta a capo dei clan. La scoperta di società intestate a terzi che investivano denaro nel settore del legname e della ristorazione ha portato alle cosche di Vita e Salemi, con l’arresto di  Salvatore Crimi e Michele Guacciardi. Ma dove finiva parte del denaro? Sembra che parte venisse inviata al boss Denaro, per permettergli di restare latitante. Tra gli arrestati c’è anche Vito Nicastri, figura importante nel campo dell’eolico a Roma, per lui l’accusa è concorso esterno in associazione mafiosa.

Matteo Messina Denaro: 12 arresti tra chi finanzia la latitanza del bossImmagine di repertorio


Dov’è Matteo Messina Denaro? Seguendo la borsa

Lorenzo Cimarosa, cugino acquisito di Matteo Messina Denaro, già finito in manette, ha posto l’accento su una borsa piena di soldi che sarebbe arrivata proprio nelle mani del boss per finanziarne la latitanza. Vito Nicastri, impegnato nel settore dell’eolico, avrebbe consegnato la borsa, piena del denaro guadagnato grazie a un vigneto, al capomafia Michele Gucciardi. La borsa sarebbe passata in quel momento nelle mani di Cimarosa e successivamente in quelle di Francesco Guttadauro, nipote di Messina Denaro. Gli agenti hanno seguito la borsa fino al 2012 nella provincia di Trapani, poi di questa – e del denaro al suo interno – si sarebbero perse le tracce. Matteo Messina Denaro potrebbe quindi essere rimasto in Sicilia fino al 2012, e poi potrebbe aver lasciato l’Italia per il Sud America. Oppure potrebbe essere ancora lì, vicino a casa.