Samarth Bangari, il bambino che gioca con le scimmie

La gente del suo villaggio lo vede già come “un bambino benedetto”. E in effetti, il legame tra il piccolo Samarth Bangari e le scimmie con cui ha stretto amicizia sembra avere qualcosa di trascendentale.

Samarth Bangari: il bambino amico delle scimmie

Samarth Bangari è un bambino di 2 anni diventato famoso per la sua storia, diffusa tramite il web in tutto il mondo. Il piccolo era stato sorpreso più volte dagli abitanti della zona, un villaggio nel sud dell’India, a gironzolare con dozzine di scimmie langur. A stupire tutti è stata la facilità con cui il bambino ha conquistato la fiducia degli animali, al punto di riuscire a giocarci insieme.

E nonostante Samarth sia molto più minuto dei suoi amici animali, lui non sembra affatto esserne spaventato.

Samarth Bangari, il bambino che gioca con le scimmie

In foto: Samarth Bangari – Getty Images

Il Mowgli dei nostri giorni

Inizialmente gli abitanti del villaggio di Samarth erano preoccupati che i langur grigi, essendo animali molto schivi e diffidenti, avrebbero potuto, col tempo, far del male al bambino. Ma ben presto è stato chiaro che non sarebbe successo.

I piccoli amici animali di Samarth pare addirittura che lo aspettino fuori dalla porta di casa, impazienti di veder uscite il bambino con le mani, e le tasche, piene di cibo per loro.

Perfino quando Samarth sta ancora dormendo, alcune tra le scimmie, le più coraggiose, si arrampicano ed entrano nella sua camera da letto per svegliarlo.

Samarth Bangari, il bambino che gioca con le scimmie

In foto: Samarth Bangari – Getty Images

I genitori del bambino, Sunil e Nanda Bangari, 38 e 35 anni, dicono che secondo gli abitanti del villaggio il bambino sia l’incarnazione di Lord Hanuman, il Dio scimmia della religione indù. Anche se inizialmente erano scettici, adesso lasciano Samarth giocare e correre con i langur per ore.

Amici per la coda

Le scimmie, giorno dopo giorno, circa alla stessa ora, vanno a trovare il loro amico Samarth.

E lui, che ancora non sa parlare, cerca di comunicare con loro riproducendo i loro suoni. Tutti gli abitanti del villaggio sono convinti che il bambino riesca a capire il linguaggio delle scimmie, e che per questo abbia un legame speciale con loro, che va oltre la distinzione tra uomo e animale.