Amanda Lear è tra i super ospiti di questa ultima settimana di EPCC, late show condotto da Alessandro Cattelan

Ultima settimana con il botto per questa quinta stagione di E poi c’è Cattelan, il late show in onda su Sky Uno condotto da Alessandro Cattelan. Tra gli ospiti celebri dell’ultima puntata, troviamo l’artista francese naturalizzata italiana Amanda Lear che si è lasciata andare ad aneddoti e battute davanti alle foto di personaggi con i quali ha avuto a che fare durante la sua vita, dai Beatles ad Andy Warhol fino a Silvio Berlusconi sul quale ha scherzato dicendo: “Aveva meno capelli di adesso“.

Amanda Lear, tra vita e arte

Amanda Lear è da sempre un’icona molto chiacchierata sia dai media che dal pubblico, soprattutto per quanto riguarda il suo presunto cambio di sesso.

Ci ha scherzato, ha ironizzato, ha stuzzicato, ha lasciato intendere ma alla fine ci ha costruito una carriera. Per anni ci si è domandati se fosse nata maschio o femmina. Questo dubbio che ha alimentato pettegolezzi, gossip e leggende metropolitane le ha portato fortuna, l’ha caratterizzata, l’ha resa unica. La Lear a tal proposito ha però sempre smentito: “Sono una donna, da sempre” aveva dichiarato tempo fa al settimanale Diva e Donna, ricordando anche come fosse stata solo una trovata ideata con Salvador Dalì, il pittore del quale fu musa ed amante, per far aumentare l’attenzione del pubblico.

Amanda Lear con l’artista Salvador Dalì

Da Cattelan si confessa

Il personaggio di Amanda Lear è noto a tutti e non solo in Italia come quello di modella, cantante, attrice, scrittrice e presentatrice, e fino ad ora solo in pochi sapevano di un’altra sua grande passione: la pittura di cui ha dichiarato: “È la mia terapia, ne ho bisogno“. Proprio da Cattelan racconta del primo incontro con Dalì, e come in quell’occasione parlando con il pittore si sia definita una sua collega, visto che in quel periodo, oltre che a sfilare come modella, stava frequentando la scuola di belle arti di Parigi.

Prosegue raccontando che dalla sua storia con Dalì ne è nato un libro per il quale ha poi ricevuto una proposta cinematografica: “Un produttore canadese mi contattò per trasformare il mio libro in un film per il quale scelsero Claudia Schiffer come attrice protagonista”. Prosegue con: “Hanno dato il mio libro Claudia. Quando l’ho incontrata mi ha detto: ‘Sai mi piace molto il tuo libro, chi te l’ha scritto?’. Io mi sono un po’ offesa e le ho risposto: ‘Contenta che ti piaccia, chi te l’ha letto?“.

La carriera da cantante

Proseguendo il racconto della sua vita attraverso le immagini dei personaggi con i quali ha avuto a che fare, alla vista di David Bowie ad Amanda Lear è venuto in mente il momento in cui proprio Bowie, durante la loro relazione durata un paio di anni, le ha suggerito di intraprendere la carriera musicale. Proprio con lui Amanda Lear ha inciso alcuni brani che però non furono mai pubblicati; ha comunque in seguito pubblicato un album in Germania che ha ricevuto un discreto successo.

Amanda Lear e David Bowie