La Fiorentina rende eterno Astori: il tatuaggio per il capitano sul braccio di Stefano Pioli

Dopo Biraghi anche l'allenatore della Fiorentina, Stefano Pioli, ha voluto tatuarsi sulla pelle quel "Da13", in ricordo del capitano Davide Astori

È trascorso oltre un mese da quel tragico 4 marzo, giorno in cui si spense all’improvviso, nel shock generale, il giovane capitano della Fiorentina, Davide Astori. Di quel giorno si ricorda lo sgomento, le lacrime di incredulità sul volto dei compagni di squadra che hanno condiviso con lui gli ultimi minuti prima della sua morte, e ancora il dolore dei tifosi. Da quel fatale giorno le coincidenze, le sei vittorie di seguito e il costante pensiero al grande capitano.

Davide Astori continua a vivere nel cuore della Fiorentina

È passato poco più di un mese e passeranno sicuramente anche più giorni, gli anni, le decadi ma nulla cancellerà il ricordo di Davide Astori, vivo nel cuore dei compagni, dei tifosi e dei familiari. La morte improvvisa del giovane capitano della Fiorentina aveva lasciato sotto shock tutto il mondo del calcio che, in quella fatidica data, incapace di reagire ad un dolore così acute e inaspettato, aveva deciso di sospendere ogni sfida. Si era fermato il suo cuore, all’improvviso, e con il suo si è fermato anche quello di tutte le persone che lo osannavano dapprima come persona, come padre e come calciatore. Si fa fatica ad andare avanti facendo finta che nulla sia mai accaduto ma tutto sembra agitarsi come se l’anima di Astori fosse presente, nel campo e fuori. Tantissime le coincidenze, l’amore  che i tifosi continuano a dimostrargli partita dopo partita e, come non citarle, le vittorie che la sua squadra sta collezionando colpo su colpo da circa 6 giornate, come a volerlo omaggiare di grandi risultati. E se Astori fino ad ora continua a regnare sovrano nel cuore di chi l’ha conosciuto, qualcuno ha voluto addirittura renderlo eterno sulla pelle.


Davide Astori e Stefano Pioli a bordo campo
Credits: La Gazzetta dello Sport



Un tatuaggio per Davide Astori

Ciò che c’è di più profondo, è la pelle” scrisse il poeta Paul Valéry, e le sue parole ci tornano utili quest’oggi per anticipare l’ennesimo omaggio che i compagni di squadra hanno voluto offrire allo scomparso Astori. Dal cuore, alla pelle: come aveva già deciso Biraghi – difensore della Fiorentina e amico di Astori – anche l’allenatore Stefano Pioli ha voluto imprimere sulla sua pelle con l’ago il ricordo del capitano. “Da13“, è il commento nonché la scritta che reca il tatuaggio stesso, accompagnato da un fiocchetto nero a simboleggiare il lutto, che da poche ore si erge sull’avambraccio dell’allenatore.

 

 





Un tatuaggio non dissimile da quello di Cristiano Biraghi

 











Per sempre addosso e dentro di me🙏 #da13 #capitano #astori 🇮🇹

Un post condiviso da Cristiano Biraghi (@cristianobiraghi34) in data: