Frascati: bestemmiano mentre giocano a carte, centro anziani gli chiude le porte

L’incredibile decisione è arrivata dopo i ripetuti avvertimenti che il Centro sociale autogestito ha rivolto agli anziani che, giocando a carte, si esprimevano in modo “colorito”

Pare che a Frascati ora non ci si possa più riunire nel centro anziani per giocare a carte. L’atteggiamento degli anziani appassionati del gioco delle carte è stato giudicato non conforme alle norme di “civile convivenza” e, per questo motivo, il centro sociale autogestito, o centro anziani perché pare che di fatto fosse una struttura dedicata a ciò, ha deciso di chiudere le porte ai giocatori, per un mese. La decisione è stata comunicata attraverso un foglio affisso nei pressi della struttura il 21 aprile.

A Frascati gli anziani sono statai allaontanati dal centro sociale per un mesePersone anziane sedute. Immagine di repertorio.


La decisione del centro anziani

Gli anziani pare che bestemmiassero e dicessero parolacce mentre giocavano a carte, questo atteggiamento pare avesse già sollevato critiche e rimproveri da parte dei gestori del centro anziani stesso. Nel comunicato che annuncia la “fine dei giochi”, si legge: “Ripetute sollecitazioni indirizzate ai frequentatori del gioco delle carte, di attenersi ad un comportamento di civile convivenza, non hanno prodotto alcun risultato.

La situazione non è più sostenibile, pertanto a partire dal 1 maggio p.v. e per la durata di un mese il gioco delle carte è sospeso”. A questo severissimo divieto, si aggiunge anche un’ammonizione per il futuro velata: “Nel frattempo il Comitato di Gestione e il Comune di Frascati concorderanno le decisioni da attuare. Per eventuali reclami rivolgersi al Comune”. Il comunicato porta la firma del comitato di gestione del centro sociale, teatro delle partite a carte.

Bestemmiavano e dicevano parolacce: anziani espulsi dal centro socialeLa comunicazione del comitato di gestione del centro sociale Frascati che annuncia il provvedimento. Foto: Il Mamilio


Il PD accoglie gli “anziani incivili”

A quanto pare, la notizia che ha fatto il giro del web ha suscitato la solidarietà del PD di Frascati che ha deciso di mettere a disposizione la propria sede per permettere agli anziani di giocare a carte. Come riporta Il Mamilio, il comunicato è stato diffuso il 26 aprile: “Cari amici, se volete nel mese di maggio – e anche dopo – la nostra sede di via dell’Asilo 4 è a vostra disposizione.

Certi nel vostro atteggiamento rispettoso e adeguato a un luogo di incontro e condivisione, troverete le porte della nostra sezione aperte per voi dalle 15:30 alle 18:30, per incontrarvi, giocare a carte e tenere viva la vostra comunità. Noi siamo a vostra disposizione!

Il PD accoglierà gli anziani bestemmiatoriLa comunicazione del PD di Frascati che mette a disposizione la sua sede per gli anziani


La bestemmia è reato

Non è chiaro a che diritto il centro sociale autogestito abbia deciso di appellarsi per allontanare gli anziani, di fatto vietandogli di trascorrere il tempo nella struttura. Sicuramente, nonostante sia uno stato laico, l’Italia è molto dura con chi offende Dio, al punto di aver mantenuto nel Codice Penale una legge di derivazione fascista che colpisce chi bestemmia.

Infatti, l’articolo 724 del nostro Codice Penale recita: “Chiunque pubblicamente bestemmia, con invettive o parole oltraggiose, contro la Divinità è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da cinquantuno euro a trecentonove euro”.