Facebook in stile Tinder: arriva Facebook Dating, la nuova app di incontri

Lo scandalo Cambridge Analytica costringe Facebook a rilanciare alla grande. Pochi giorni fa, infatti, Zuckerberg ha annunciato l’arrivo di una nuova app che costituirà il debutto di Facebook nel mercato dei siti di incontri: si chiamerà Dating on Facebook e sta già facendo tremare la concorrenza.

Il nuovo servizio di dating

Molte persone si dichiarano single sulla nostra piattaforma, così abbiamo deciso di pensare a loro“. Ha esordito così il CEO di Facebook presentando la nuova app in occasione dell’F8, la conferenza annuale per gli sviluppatori di software che si tiene a San Jose, in California. Ma perché immettersi in un mercato affermato e, in qualche modo già saturo?

Zuckerberg a questo proposito ha tenuto a precisare ciò che differenzierà Facebook Dating dalla principale e già consolidata concorrenza: “La nuova funzione è destinata a costruire relazioni autentiche e durevoli, non solo di una serata“. L’app infatti, come ha spiegato in seguito Zuckerberg stesso, sarà integrata al sistema di partecipazione agli eventi. In questo modo verranno proposte connessioni solo con persone che hanno interessi in comune, il tutto volto a stabilire rapporti seri.

Un servizio attento alla privacy

Facebook in stile Tinder: arriva Facebook Dating, la nuova app di incontri

Mark Zuckerberg durante l’F8  Foto: CNET

Quasi come reazione alla valanga di polemiche che ha investito recentemente il colosso dei social network, Zuckerberg assicura subito circa il rispetto della privacy dei futuri utenti.

Il servizio, infatti, prevede la creazione di profili appositi che tuttavia non saranno visibili ai nostri contatti e collegherà soltanto le persone che, per l’appunto, non fanno già parte della nostra cerchia di “amici“. Sebbene quindi si tratti di un’app integrata, quest’ultima sarà del tutto svincolata dal profilo principale.

Le reazioni della concorrenza

Non è ancora chiaro se si tratterà di un servizio a pagamento o meno, né è stato detto quando verrà rilasciata ufficialmente l’app, ma la notizia ha già avuto significative ripercussioni: la Match Group, società madre di Tinder e Ok Cupido, servizi (finora) in testa nel settore, ha già subito un crollo a Wall Street del 20%.

Badoo, altro sito di incontri in voga, dal canto suo rilancia con un nuovo servizio aggiuntivo di videochiamate in diretta. Chissà se basterà.

Un’ app di incontri controcorrente

Di fronte alla dichiarazione più o meno implicita di Zuckerberg di voler offrire agli utenti un app più “seria” rispetto a quelle già esistenti, c’è chi ha storto il naso. Del resto, il successo degli attuali servizi di dating pare basato sull’instaurazione di relazioni occasionali (forse) figlie del massiccio cambiamento che la “cultura di rete” ha generato rivoluzionando ogni aspetto della nostra vita, compreso quello delle relazioni. Ma c’è chi si è chiesto se al giovane imprenditore, più che i nostri affari di cuore non interessino maggiormente le possibilità di guadagno che questo settore ha da offrire.