massimo-boldi-christian-de-sica

La conferma esplode sui social e fa la felicità degli estimatori del cinepanettone: Massimo Boldi e Christian De Sica tornano a lavorare insieme dopo 13 anni dall’ultimo sodalizio.

Il film, diretto dallo stesso De Sica, sarà prodotto da Indiana Production e distribuito dalla Medusa Film. Il titolo è emblematico per la rinnovata collaborazione: Amici Come Prima.

L’annuncio

Sul suo profilo Instagram Christian De Sica conferma ogni dubbio a riguardo sull’indiscrezione, pubblicando un post. Non c’è scritto nulla, solo una foto molto eloquente, quella della copertina di un film natalizio accanto al vecchio “compare” Boldi.

 

Il post, come era facile immaginare, ha scatenato una sequenza di commenti. Utenti che sulla scia dell’entusiasmo scrivono “Finalmente“, contenti di rivedere i loro beniamini di nuovo insieme sul grande schermo a Natale. L’ultima volta che è successo era il 2005, il cinepanettone nelle sale titolava “Natale a Miami“. Da allora la coppia si è separata e i due comici hanno preso strade diverse, dopo ben 23 film insieme (la prima collaborazione risale al 1986 con Youppis, i giovani di successo).

Il divorzio

Un divorzio da entrambi definito “consenziente”, ma che ha fatto sicuramente discutere.

Nessuna lite” hanno sempre messo in chiaro i due amici. Da principio Boldi spiegò la separazione parlando di divergenze sul lavoro e voglia di fare qualcosa di nuovo come produrre.Ma posso litigare con Christian io?” aveva scherzato Boldi ospite a Domenica Live. “È stato solamente il periodo di quando son rimasto vedovo, ho avuto un momento difficile della mia vita, volevo capire tante cose e non ho rinnovato il contratto con De Laurentiis. Volevo provare a fare il produttore e così ho fatto. Vuoi chiamare Christian in diretta? Chiamalo“.

Eppure De Sica all’epoca parlò di gelosie da parte del collega, tesi avallata anche dal regista Neri Parenti. 

Ma circa un anno fa, il messaggio di Boldi fu chiaro: l’attore lanciò tra le pagine di Chi un appello. “È passato più di un quarto di secolo e tra noi che cosa resta? Solo qualche messaggino. No, non lo accetto. Mi manca Christian, il mio amico, troppo, tanto“. Ed ecco che adesso il desiderio si realizza.