Romina Power ricorda la figlia scomparsa: “Ho sognato che ritornava”

Romina Power intervistata da Maurizio Costanzo parla della figlia rivelando di diffondere la sua immagine nella speranza che, ovunque si trovi, riconosca la propria identità

La terribile storia di Ylenia Carrisi, figlia di Al Bano e Romina Power, scomparsa nel 1994, viene ricordata da Romina durante un’intervista rilasciata a Maurizio Costanzo, nella quale emerge tutto il dolore della madre per la scomparsa di sua figlia e la rabbia per le indagini che non hanno portato a nessuna pista. Infine, la cantante ha anche rivelato di aver sognato sua figlia.

Il volto di Ylenia sui social per ritrovarla

Maurizio Costanzo durante l’intervista a Romina Power le ha chiesto di parlare della figlia, ricordando che ogni anno lei fa gli auguri di compleanno sui social alla figlia. Romina ha spiegato che il fatto di augurarle “buon compleanno” sui social ha una finalità precisa: “Io voglio che circoli la sua immagine, voglio che circoli il suo viso sui social perché così può capitare a qualcuno di vederla per strada da qualche parte o che abbia perso la memoria”.


Secondo Romina, il comportamento delle forze dell’ordine di New Orleans rispetto alla scomparsa di sua figlia Ylenia non è stato esemplare: “È molto misterioso questo fatto che spariscano queste ragazze a New Orleans e che la polizia non agisca… che non venga fatto un processo come si deve, che non si faccia un’investigazione, dopo un po’ viene tutto arenato tutto sepolto tutto coperto”.

Romina Power spera che sua figlia vedendo le foto sui social si riconosca

Romina Power, Ylenia Carrisi e Al Bano Carrisi. Foto: Olycom



Chi era l’uomo a cui Ylenia si era avvicinata

Le forze dell’ordine di New Orleans, in particolare, secondo Romina Power non avrebbero indagato l’uomo a cui la figlia si era avvicinata: “Questo Masakela aveva degli alias che non finivano mai e e nessuno l’ha mai indagato”. Costanzo definisce quest’uomo “un santone”, Romina però puntualizza: “Era un musicista di strada che però aveva dei passati di storie penali però veniva sempre continuamente rilasciato”.

Romina ha anche specificato che l’uomo potrebbe essere morto visto che già nel 1994 era abbastanza anziano, ma per lei resta da capire come mai ai casi di sparizione a New Orleans non sia stata attribuita l’importanza dovuta da parte delle forze dell’ordine: “È una cosa da scoprire perché in questa città viene occultata questa ricerca del perché svaniscono le persone e cosa c’è dietro”. Poi ha aggiunto: “In Italia una cosa del genere sarebbe stata sventrata e sistemata e uno come Masakela non se la passava così liscia”.

Romina Power ripercorre la dolorosa vicenda della scomparsa di sua figlia

Romina Power e Al Bano Carrisi. Foto: Tv zap



TUTTI GLI ARTICOLI SU ROMINA

Romina e il sogno di sua figlia

Maurizio Costanzo cerca di indagare con molto tatto i pensieri di Romina Power su sua figlia. Allora, le chiede dove secondo lei possa trovarsi Ylenia e Romina risponde: “Non lo so dove possa essere perché è difficile localizzare una persona se per esempio ha perso la memoria per via di sostanze che le avranno dato o se è tenuta da qualche parte dalla quale non può uscire lei stessa”.

Poi il celebre conduttore televisivo le chiede cosa le direbbe se Ylenia si trovasse davanti lo schermo e la cantante risponde: “Se fosse davanti alla televisione spero che si ricordi che è lei, che quessta è la sua identità e che io sono sua madre”. Il conduttore poi le dice di stimarla per il fatto che lei non si è mai rassegnata all’idea che la figlia fosse morta e lei risponde facendo rifermento a una testimonianza che lei ha interpretato come una sorta di tentativo di depistaggio: “Io poi non ho mai creduto a quella storia del guardiano dell’acquario che ha visto una ragazza che entrava nell’acqua così si sbarazzavano di noi”.

Infine, la cantante rivela di aver sognato la sua Ylenia: “L’ho sognata che ritornava”. Alla domanda di Costanzo su cosa le dicesse la figlia, Romina ha risposto: “Non parlava”.