Passo indietro Nord Corea: minaccia di far saltare il vertice con Trump

Kim Jong-un, dopo un periodo di tregua, torna alle minacce e annulla i colloqui con Seul e minaccia di annullare il vertice con Trump

Pyongyang ci ripensa e ha annunciato che potrebbe saltare il vertice con il presidente Donald Trump previsto per il prossimo 12 giugno a Singapore. A far arrabbiare il leader nordcoreano sarebbero state le manovre militari congiunte tra Trump e Seul, la minaccia arriva dopo un periodo di distensione tra Stati Uniti-Pyongyang-Seul.

Le mosse di Kim Jong Un

Per prima cosa cosa Kim Jong Un ha deciso di sospendere l’incontro con Moon Jae-in, il presidente sudcoreano. Dopo il primo storico incontro del 27 aprile scorso le cui immagini avevano fatto il giro del mondo, il clima torna gelido. Per la Nord Corea le esercitazioni Max Thunder tra gli USA e Seul sono da intendersi come una “provocazione militare in contrasto con gli sviluppi politici positivi nella penisola coreana“. Poi è arrivata la minaccia a Trump: “Gli Stati Uniti dovranno prendere delle attente decisioni riguardo al futuro del pianificato summit tra Usa e Corea del Nord alla luce di questo provocatorio putiferio militare condotto in maniera congiunta con le autorità sudcoreane“, riporta l’agenzia sudcoreana Yonhap. Ed ecco qui la, nemmeno tanto velata, minaccia agli USA: Kim Jong Un è pronto ad annullare il prossimo incontro in programma.

Passo indietro Nord Corea: minaccia di far saltare il vertice con TrumpKim Jong-un


Le esercitazioni militari USA-SEUL

A spiegare la natura delle esercitazioni militari è stato il portavoce del Pentagono Rob Manning: “Gli Stati Uniti e la Corea del Sud sono impegnate nelle annuali esercitazioni militari congiunte denominate ‘Foal Eagle’, per sostenere la capacità di difesa dell’alleanza Usa-Corea del Sud e per migliorare la interoperabilità e prontezza“. Washington intanto continua a preparare il vertice, almeno fino a quando le dichiarazioni non saranno confermate dal governo di Pyongyang. L’inizio delle esercitazioni è previsto per venerdì e nessuno sembra disposto a fare passi indietro.