Punisce la figlia uccidendo i suoi cani: si era dimenticata di lavare i piatti

Un uomo di 35 anni ha deciso di punire la figlia di 17 anni sparando e uccidendo i suoi cani. La ragazza si era dimenticata di lavare i piatti

È terribile la storia che proviene da Harrah, in Oklahoma, dove un papà di 35 anni, Jeffrey Don Edwards, ha deciso di punire la figlia in un modo davvero inspiegabile. L’uomo, infatti, ha sparato agli amati cani della figlia e del figlio, rispettivamente 17 e 15 anni, uccidendoli fuori dalla sua abitazione.

L’adolescente non aveva lavato i piatti

Divorziato dal 2007 dalla ex moglie, Danielle Depee, i figli della coppia trascorrevano di tanto in tanto del tempo con il padre e i cani vivevano con l’uomo. In base a quanto riportato dai media, la 17enne e il fratello di 15 anni avevano deciso di fare i turni per alternarsi nello svolgimento delle vicende domestiche e quella terribile sera del 9 maggio toccava a lei. Purtroppo la ragazza si sarebbe dimenticata di lavare i piatti, ma mai avrebbe potuto immaginare quali sarebbero state le terribili conseguenze di una banale dimenticanza. Il padre, Jeffrey Don Edwards, infatti, appena tornato a casa e accortosi che i piatti erano ancora sporchi nel lavello è andato su tute le furie. La giovane, spaventata, ha così deciso di chiamare la madre e tornare a dormire da lei.


i 2 cagnolini uccisiI cagnolini della figlia adolescente Fonte: The Sun


L’uomo è stato arrestato, ma si dichiara innocente

Una sfuriata che sembrava essere finita lì, ma purtroppo non è stato così. Il giorno dopo, quando gli adolescenti sono tornati a casa, infatti, non hanno più trovato i suoi cani. Vi erano tracce di sangue e a quel punto hanno deciso di chiamare la Polizia. Gli agenti, giunti sul posto, hanno quindi raccolto le testimonianze di due persone a cui Don Edwards avrebbe rivelato di aver ucciso i cani e non sentirsi nemmeno in colpa. Dello stesso avviso anche lo zio, che di fronte agli agenti ha accusato l’uomo di quanto accaduto ai cani. I corpi dei poveri animali sono stati ritrovati a circa 100 metri dalla casa e per l’uomo è subito scattato l’arresto. Nonostante le accuse, però, Jeffrey Don Edwards continua a proclamarsi innocente e di essere vittima di una “bugia“.