Maria De La Luz mamma più anziana del mondo

Potrebbe essere in arrivo un nuovo Guinnes Word Records. Una donna di 70anni di origine messicana ha dichiarato di essere incinta del suo ottavo figlio e con orgoglio mostra quelle che sembrano essere le ecografie del bimbo.

Non sapeva di essere incinta

Maria de la Luz ha 70 anni e vive a Mazatlan, in Messico, nello stato di Sinaloa. Da qualche mese la donna avvertiva strani malori: “Mi facevano male le gambe, vomitavo, mi sentivo debilitata e la mia pancia era aumentata”. Al fine di capire la natura di tali malesseri, la donna si è recata in ospedale per sottoporsi ad alcuni esami di accertamento, che hanno rivelato una causa del tutto inaspettata: una gravidanza.

  “I medici quando hanno visto l’ecografia non potevano crederci” ha dichiarato Maria in una delle tante interviste rilasciate dopo l’inaspettata notizia. La 70enne mostra con fierezza quelle che sembrano essere le ecografie del nascituro: “Hanno detto che è una femmina, nascerà tra 3 mesi”. La notizia però non sembra piacere ai sette figli della donna, i quali dichiarano di essere molto preoccupati per la salute della loro mamma.

L'ecografia della signora Maria De La Luz. CREDITS: DailyMail

L’ecografia della signora Maria De La Luz. CREDITS: DailyMail

Malgrado l’ecografia, la vicenda sembra essere avvolta da un velo di mistero.

Alcuni quotidiani messicani infatti, parlano di una massa tumorale che la donna avrebbe scambiato per un feto. Ad infittire ancora di più il mistero arrivano alcune dichiarazioni della stessa Maria, che ha ammesso di non aver parlato di gravidanza con un medico. Per sviare ogni dubbio, la 70enne si sottoporrà ad altri accertamenti il 18 luglio.

Carmen Bousada de Lara

Per ora il titolo di mamma più anziana del mondo rimane nelle mani di Carmen Bousada de Lara, che nel 2006 – grazie alla fecondazione in vitro –  partorì 2 gemelli all’età di 66 anni. Oltre alla storia di Carmen e di Maria de la Luza, ci sono stati molti altri casi simili di donne che dichiaravano di aver partorito all’età di 70 anni.

Tuttavia nessuno di essi è mai stato comprovato.