È facile fare l'opinionista con i reality degli altri

Il reality è una macchina subdola: una volta ingoiato un personaggio lo risputa infinite volte in infinite vesti

Scagli la prima pietra chi è senza peccato. E diciamoci la verità, nel grande circo dei reality show i puri di cuore sono veramente pochi. Forse solo Malgioglio a mio parere. By the way, è anche vero che una volta saliti sulla giostra non si scende più, e si passa, dopo il battesimo di fuoco nelle vesti di concorrente, a ricoprire altri ruoli, rimpallati da un format all’altro.

Prendiamo Stefano Bettarini: nello stesso anno ha preso parte alla prima grande edizione del Grande Fratello Vip, al cui termine è stato poi nominato inviato speciale per l’Isola dei Famosi. Daniele Bossari? Neanche il tempo di godersi il trionfo dopo la sua vittoria che subito è stato “nominato” nuovo opinionista dell’Isola 2019, accanto alla sempreverde Mara Venier. Gli stessi Cristiano Malgioglio e Simona Izzo, grandi protagonisti del Grande Fratello Vip di quest’anno, adesso sono gli opinionisti del Grande Fratello Nip (va be’ Nip per modo dire). E che dire di Alfonso Signorini? Da autore acclamato di reality/opinionista a conduttore (vedi GF Vip accanto ad Ilary Blasi) il passo è davvero breve. Per la serie “Se le cose vuoi che siano fatte bene fattele da solo. Allora sai che ti dico? Questo programma che ho scritto quasi quasi lo conduco pure”. Senza parlare poi di chi proprio è appassionato del gioco e passa da una vetrina all’altra tipo Jonathan Kashanian, vincitore del Grande Fratello nel 2004.

Baye Dame contro Aida Nizar, una delle liti più furiose di questo GF


Che poi questi personaggi, quando non sono loro a stare sottovetro h24, ne sanno dare di giudizi intransigenti. Ora è vero che con quest’ultimo GF si stanno toccando le vette di una televisione grottesca, ma è anche vero che i soggetti che si stanno prendendo la briga di commentare gli episodi discutibili non è che abbiano proprio, come dire, una coscienza pulitissima. Partiamo proprio da Stefano Bettarini, l’ex gieffino ha definito questa edizione “surrogato di un reality“, incommentabile al punto che si è “avvalso della facoltà di non rispondere“, chiedendosi “Chi ha scelto questi concorrenti?“. Forse ha dimenticato di quando era lui a vivere oltre la porta rossa sotto lo sguardo vigile delle telecamere, e dell’indignazione che ha scatenato con le chiacchierate notturne insieme con Clemente Russo, e i toni sessisti usati nello sciorinare l’elenco di tutte le donne con cui è stato e con cui ha tradito Simona Ventura?

La chiacchierata tra Clemente Russo e Stefano Bettarini


E Jonathan invece? Non ha certo pesato le parole quando ha sentenziato il suo giudizio sul comportamento (certamente opinabile) di Luigi Favoloso fidanzato con Nina Moric fuori dalla Casa e lumacone dentro. Né ci è andato leggero quando a commentato il feroce attacco di Baye Dame nei confronti di Aida Nizar (che se vogliamo dirla tutta farebbe perdere le staffe perfino al maestro Yoda). Forse non deve essersi rivisto in video quando lui e Amaury Perez se le sono dette di santa ragione, con urla che hanno fatto tremare l’Honduras intera. Memoria corta Jonathan? Eppure è successo appena un mese fa.

Lo scontro tra Jonathan e Amaurys Perez


E poi c’è Alfonso Signorini. Proprio lui, la cui frase è già un cult: “Questo Grande Fratello sta battendo tutti i livelli di trash“. Suvvia Fofo, conosci questi meccanismi meglio di chiunque (visto che ne sei autore) sai bene che il pubblico ha bisogno ogni volta di uno osso più carnoso da spolpare, ed è normale che, se ogni reality ha la sua buona dose di trash, questa deve essere ogni volta più consistente, altrimenti altro che osso, è solo la vecchia minestra riscaldata. Ed ecco che di stagione in stagione ci si spinge al limite del precedente. Non sarà che il tuo giudizio aveva un obiettivo ben preciso che è Barbarella? È ben noto il ghiaccio che si staglia tra voi due, dopotutto.

Alfonso Signorini spietato con il Grande Fratello


Anche Selvaggia Lucarelli ha detto la sua riguardo questa edizione. Certo, c’è da dire che stavolta la poverina è stata tirata in ballo suo malgrado, ma figurati se non rispondeva alle provocazioni. Lei il reality lo fa sui social, con quel temperamento un po’ guerrafondaio e provocatorio. Già in una condizione normale Selvaggia non si tira indietro, pensa un po’ se si risparmia quando uno dei concorrenti indossa una maglietta dalla stampa sessista che farebbe chiaro riferimento a lei. Insomma siamo tutti bravi a fare gli opinionisti con il reality degli altri, pronti a giudicare, senza però tener conto dei propri trascorsi: sulla panchina delle opinioni si diventa moralisti, come dice Alfonso Signorini. Un istante soltanto, ma le denunce di alto tasso di moralismo, non sono esse stesse il moralismo spicciolo? Non lo so, è un discorso che confonde.

Purtroppo, è un circolo vizioso, che una volta innescato è difficile fermare. Un eterno ritorno dell’uguale, che si può tranquillamente applicare anche al gioco dei sentimenti: c’è chi da concorrente diviene opinionista, e chi lasciato durante un reality cerca un nuovo amore n un altro reality. Basti pensare alla cover di Branduardi targata 2018: “E venne Ignazio Moser che si mise con Cecilia Rodriguez, che lasciò Francesco Monte, che si mise con Paola Di Benedetto, che lascio Matteo Gentili, che si mise con Alessia Preti, che Barbara D’Urso al mercato comprò“.

Insomma, cosa impariamo da questa lezione? Che se un reality ci sfiora, anche solo da lontano, potrebbe risucchiarci all’infinito e per infinite vie. E quindi, non è difficile immaginare Aida Nizar e Baye Dame seduti in poltrona, nelle vesti di opinionisti per il prossimo reality show da mettere in forno. Magari pure fianco a fianco.