Hitler era vegetariano: sui suoi denti nessuna traccia di particelle di carne

Hitler era vegetariano: nessun dubbio su questo. Restano invece un mistero le vere cause della sua morte

I denti di Hitler provano che era vegetariano. Dalle analisi condotte sui presunti resti, finora conservati dai Servizi Segreti russi, gli studiosi hanno potuto ricostruire le abitudini alimentari del führer. Ancora incerte e poco chiare, invece, le cause della sua morte. Gli studi sono stati effettuati sui presunti resti di Hitler, sui quali non è stato possibile eseguire il test del DNA per confermarne l’appartenenza. La ferita da arma da fuoco al cranio e la corrispondenza delle lastre dentarie di Hitler, hanno permesso ai ricercatori di attribuire i resti al dittatore nazista, anche grazie alla comparazione con le radiografie craniali di Hitler conservate negli USA. La ricerca, effettuata dal team dell’Università di Versailles Saint Quentin en Yvelines guidato da Philippe Charlier, è stata pubblicata sulla rivista European Journal of Internal Medicine.


La ricostruzione delle sue abitudini alimentari

Data l’assenza del test del DNA, il team ha confrontato le radiografie ufficiali del führer con i frammenti rinvenuti. Il ricercatore Charlier ha confermato la corrispondenza dei due referti.

Per poter ottenere informazioni su Hitler, gli scienziati hanno analizzato i frammenti della mandibola superiore e inferiore. Per evitare danni e lesioni ai resti, si sono serviti di un microscopio elettronico a scansione. Analizzando la placca, dove si trovano minuscole particelle di cibo, i ricercatori hanno confermato che Hitler era vegetariano. Nessun tipo di tessuto compatibile con la carne è stato rinvenuto sulla placca, dove sono state trovate numerose particelle di origine vegetale. Questo conferma la tesi del team di scienziati.

Adolf HitlerIl dittatore nazista Adolf Hitler in un’immagine d’epoca


I dubbi sulla sua morte

Nonostante siano state chiarite alcune abitudini di Hitler, la sua morte resta un mistero. Dai frammenti ossei che sono stati analizzati risulta un foro sul cranio, sul lato sinistro. Manca invece ogni traccia di polvere da sparo dalla mandibola. Questo potrebbe confutare l’ipotesi che il führer si sia suicidato sparandosi in bocca. Sono stati trovati dei depositi blu nei denti di Hitler, compatibili con l’ingestione di cianuro: il dittatore si è quindi tolto la vita con il veleno?