pino daniele

In questi giorni è un po’ più forte il pensiero rivolto dai fan a Pino Daniele, il cantante napoletano scomparso nel 2015 a causa di un infarto. Recentissimo il concerto in sua memoria Pino è che ha visto lo stadio San Paolo di Napoli gremito di gente per omaggiare, attraverso la voce dei grandi amici e cantanti italiani, il cantante deceduto. Proprio a pochi giorni dall’evento, a parlare del cantante è una delle persone a lui più care, l’ex compagna Fabiola Sciabbarrasi.

L’ex moglie di Pino Daniele : “Non passa giorno che non pensi a lui

La seconda moglie di Pino Daniele, dopo la morte del cantante, ha dovuto fare i conti con gli amici e con i finti amici, coloro che tanto vicini a lei nei tempi d’oro, non hanno avuto l’accortezza di telefonarle nemmeno una volta, lasciandola da sola ad elaborare un lutto che difficilmente il tempo riesce a cancellare.

Il concerto in omaggio al cantante napoletano, scomparso nel 2015 per colpa di un infarto, è stata un’occasione per la Sciabbarrasi, tornata a proferire parola in merito all’ex marito. Risaputi gli strascichi dolorosi seguitisi alla morte del cantante proprio tra la Sciabbarrasi, allora già ex moglie, e Amanda Bonini, ai tempi la donna che accompagnò il cantante sino all’ultimo respiro, per la modella non è tuttora facile parlare di quel grande amore durato oltre 20 anni, avuto inizio nel 1992.

Chi sostiene che con il tempo il dolore si attenua, dice una sciocchezza. Non passa giorno che non pensi a Pino” ha dichiarato l’ex moglie, mostrandosi ancora provata per la sua scomparsa.

pino daniele

L’ex moglie di Pino Daniele, Fabiola Sciabbarrasi

La delusione degli amici

Come dicevamo però, se lancinante e doloroso è stato dover fare i conti con la morte dell’ex compagno, ancor peggio è stato confrontarsi con le persone che avrebbero dovuto mostrarsi vicine nel momento del bisogno e che invece si sono dileguate lasciandola sola.

Sono arrivate alcune docce fredde e non è stato facile – ha dichiarato la Sciabbarrasi – Alcune persone con cui ho trascorso una vita intera non mi hanno fatto neppure una telefonata. Sono state la delusione più grande ma mi hanno resa più forte“.