madre

Una storia orribile quella che giunge oltreoceano dove una madre ha seviziato per giorni il figlioletto di 10 anni. Massacrato fisicamente e psicologica per aver rivelato di avere interesse per gli uomini: le torture a cui è stato sottoposto, le stesse che lo hanno ucciso, sono indecenti.

Ucciso dalla madre perché “interessato ai maschi”

Non ci sono parole per descrivere la bruttura che ha dovuto subire un piccolo bimbo di 10 anni, “reo” di aver confessato alla madre di nutrire un innocente interesse per il suo stesso sesso. A soli 10 anni infatti, il bimbo avrebbe reso manifesta la sua preferenza sessuale parlandone con la persona a lui più amica, la madre.

Maxime Barron, la madre di 28 anni, ha avuto una reazione impensabile e vergognosa. Insieme agli altri 8 figli e al compagno di 32 anni, Kareem Ernesto Leiva, la donna ha torturato il piccolo per giorni uccidendolo.

madre

Alcune foto diramate dal NY Post

Le vergognose e umilianti torture

Il massacro è avvenuto sotto gli occhi dei fratellini che non solo hanno dovuto assistere alla violenza ma hanno dovuto anche prendervi parte per obbligo della madre. Proprio i fratellini hanno dovuto impedire, per ordine della mamma, al piccolo fratello di sedersi, dovendo stare quindi sempre in ginocchio o in piedi.

Ma questo è nulla di fronte a ciò che gli è stato inferto direttamente da lei: il piccolo è stato infatti frustato tanto con una cintura quanto con un cordino, gli è stato impedito di poter fare i propri bisogni in bagno e gli è stato negato per giorni e giorni il cibo. Addirittura, oltre alle percosse, la donna avrebbe più volte sbattuto la testa del figlio per terra arrivando anche a versargli della salsa bollente in bocca. Torture indicibili testimoniate dalle pessime condizioni in cui il piccolo è stato trovato: “Non poteva più camminare, era senza forze – spiega il procuratore della contea di Los Angeles – Lo abbiamo trovato incosciente sdraiato sul pavimento della sua camera da letto“.

La madre è stata fermata ed è in attesa della condanna per omicidio e tortura.