Riccardo Muci è l'eroe dell'esplosione di Bologna

Riccardo Muci è senza dubbio l'eroe dell'esplosione di Bologna. Poco prima che si scatenasse l'inferno sulla A14 ha aiutato le persone ferite

Prima che sul ponte dellA14 scoppiasse l’inferno, Riccardo Muci, poliziotto che si trovava lì a bordo della sua volante, ha capito che ogni secondo era prezioso. Ha fatto tutto quello che poteva: prima ha soccorso i feriti, poi ha detto agli altri di allontanarsi velocemente. Quando la cisterna è esplosa era ancora lì. Ora è ricoverato dopo essere stato operato d’urgenza al Bufalini di Cesena.

L’eroe di Bologna

L’esplosione di ieri a Bologna poteva causare moltissime vittime. Al momento però c’è un morto e chi ha visto il video dell’esplosione ha temuto che ce ne fossero molti di più. Su quel tratto di strada c’era Riccardo Muci, leccese, 31 anni. Quando la cisterna ha tamponato il camion in coda, Muci ha saputo subito cosa fare. Mentre il fumo si alzava e dai due veicoli coinvolti cominciavano ad alzarsi le fiamme, il poliziotto ha fermato il traffico e ha soccorso i feriti sulla zona. Ha fermato chiunque ci fosse nelle vicinanze e gli ha detto di andare lontano velocemente. Poco dopo la cisterna è esplosa, come testimoniano molti video, e il 31enne è stato investito dalla forza dell’esplosione.

Riccardo Muci, l'eroe durante l'esplosione di Bologna

Le sue condizioni

Quando l’esplosione lo ha investito, la sua maglietta gli si è sciolta addosso, ora sulla schiena ha un’ustione di secondo grado di cui si sono occupati i medici dell’Ospedale di Cesena, specializzato in grandi ustioni. Le sue condizioni sono stabili e, nonostante le ferite, questa mattina ha incontrato il Presidente Conte che ha fatto visita ai feriti. Intanto si indaga per disastro colposo.

Guarda il video



La prima vittima

La vittima dell’esplosione è stata identificata nelle scorse ore. È Andrea Anzolin, 42 anni, vicentino che lavorava proprio in un’impresa di distribuzione di carburante. Da quello che si sa in queste ore, era un autista esperto che faceva questo lavoro da diverso tempo. Ancora non si sa come mai non si sia accorto della coda che si stava formando di fronte a lui.











Sui luoghi dell’incidente a #BorgoPanigale #Bologna

Un post condiviso da Giuseppe Conte (@giuseppeconte_ufficiale) in data: