Asia Argento è protagonista di un articolo pubblicato oggi sul New York Times, in cui si svela un accordo tra la regista e un attore di 22 anni che l’ha accusata di molestie. La Argento è stata una delle prime attrici a denunciare pubblicamente Harvey Weinstein di violenze sessuali, diventando una voce importante del movimento #MeTooJimmy Bennett, attore, un mese dopo la pubblicazione dell’articolo di Ronan Farrow in cui veniva accusato il produttore di Hollywood, minacciava di fare causa all’attrice. Una vicenda resa pubblica da dei documenti che una fonte anonima avrebbe inviato alla testata e che secondo tre fonti sarebbero autentici.

Asia Argento: un giovane attore l’accusa di molestie

Secondo quanto riportato dal Nyt, Asia Argento avrebbe acconsentito a versare 380mila dollari a Jimmy Bennett, 22 anni. L’attrice si sarebbe accordata con Bennett, che l’ha accusata di aggressione sessuale avvenuta nel 2013, quando lui aveva 17 anni. Argento, all’epoca 37 anni, secondo la lettera dell’avvocato del giovane, avrebbe abusato di Bennett in una camera d’albergo in California. I due si conoscono da molto tempo, avendo Jimmy Bennett lavorato in un film della regista, Ingannevole è il cuore più di ogni cosa, nel 2004.

argento bennet

La foto pubblicata su Instagram dopo l’incontro del 9 maggio 2013

Secondo le dichiarazioni dell’attore, con l’Argento si sarebbe instaurato un rapporto materno, anche per via del film in cui hanno recitato appunto le parti di madre e figlio con un controverso rapporto.

Il 9 maggio del 2013 si sarebbero incontrati al Ritz-Carlton a Marina del Rey, un appuntamento di lavoro che Bennet e Argento hanno condiviso con varie foto sui social. I due avrebbero consumato un rapporto sessuale nella camera, dopo aver assunto dell’alcol. Sarebbero poi andati a pranzo, e infine Bennett avrebbe lasciato la regista per tornare a casa. Durante il percorso, si legge nella citazione dell’avvocato, il suo cliente si sarebbe sentito “estremamente confuso, mortificato e disgustato“.

Il crollo delle finanze di Bennett

Un mese dopo, nel giugno 2013, Jimmy Bennett ha fronteggiato una causa contro la madre e il patrigno, conclusasi con un accordo riservato. La denuncia riguardava un fondo fiduciario in cui sarebbero stati depositati i suoi guadagni da attore. Il giovane li ha accusati di avergli sottratto 1,5 milioni di dollari e di averlo bandito dalla casa di famiglia.

Secondo il New York Times, da quell’anno le sue fortune sarebbero precipitate. Bennett, nei cinque anni di lavoro antecedenti al 2013, avrebbe guadagnato 2,7 milioni di dollari, una cifra scesa a 60mila dollari l’anno. L’avvocato del 22enne ha addotto questo drastico calo delle entrate al trauma che il rapporto sessuale con l’Argento gli avrebbe procurato.

bennett1

Jimmy Bennett

L’azione civile contro la regista

Nel novembre del 2017, Jimmy Bennet, un mese dopo l’articolo in cui Asia Argento e decine di attrici denunciavano Weinstein per violenze sessuali, avrebbe a sua volta minacciato di fare causa all’attrice. La quale ha assunto l’avvocato Carrie Goldberg, specializzata in sexual privacy e nella difesa di vittime di attacchi online. Nell’accordo Asia Argento non ha voluto includere la clausola di segretezza, non impedendo agli interessati di parlare dell’accordo.

In una lettera di Goldberg ad Argento si spiega il motivo: “Ha deciso contro la clausola di segretezza perché sente che sarebbe incoerente con il messaggio pubblico da lei veicolato sui pericoli sociali degli accordi di non divulgazione“. Bennett sarebbe stato libero di parlare dell’accordo, ma non di pubblicare le foto in cui sono insieme, e non avrebbe più potuto fare causa o chiedere altri soldi all’attrice. L’avvocato ha indicato i soldi dell’accordo come un “aiuto” a Bennett. Né Asia Argento né Jimmy Bennett hanno voluto commentare l’articolo.