genova

Fin da subito, dai primi giorni all’indomani dal tragico crollo del ponte Morandi, i genovesi avevano fatto vedere al mondo il loro cuore. Le 43 vittime pesano come macigni sulla coscienza di un responsabile che ancora non c’è. Come disse De André, “dal letame nascono fiori” e da una situazione drammatica come questa può nascere la speranza. Dopo l’annuncio delle nozze tra due sopravvissuti, l‘amore sbocciato tra due anziani sfollati è il simbolo di una città che ha voglia di rinascere.

Sotto le macerie del ponte Morandi sboccia l’amore

Moralmente, il 14 agosto scorso si è sancita la morte di una città.

Il cuore dei genovesi è spezzato, esattamente come il ponte Morandi. Fortunatamente però, dietro le macerie, oltre la tragicità di un crollo c’è un amore. L’affetto tra Pasquale e Graziella, 86 anni lui e 83 lei, è il simbolo di una città che nella sofferenza sa unirsi, ricominciare, rinascere senza però dimenticare chi, quel 14 agosto, ha perso la vita.

genova

Graziella, 83 anni, e Pasquale, 86. Sfollati entrambi dopo il crollo del ponte Morandi di Genova

Gli sfollati innamorati

La loro storia d’amore, nata dopo il crollo del ponte, ha avuto luce laddove vigeva ombra.

Pasquale, vedovo di 86 anni, Graziella, anche lei vedova 83enne, non solo non credevano di poter avere una seconda possibilità ma ancor meno pensavano che l’avrebbero potuta trovare mentre tutte le loro certezze venivano demolite da una crollo. Entrambi abitanti in via Porro, tanto Pasquale quanto Graziella sono stati fatti evacuare dalle loro case subito dopo il crollo del ponte Morandi, perché considerati in serio pericolo. “Lei ha bisogno di me e io di lei – ha raccontato amorevolmente Pasquale, riferendosi a Graziella – Vivere tutto ciò assieme è fondamentale“.

Da complici riescono a supportarsi, a comprendere i lunghi silenzi lasciati dal crollo, e da superstiti riescono ad essere felici della meravigliosa seconda possibilità che la vita gli ha offerto. Ora la loro speranza è riposta in un sogno: riuscire a trovare una casa che possa accogliere entrambi, avente uno spazietto per lei e uno per lui.