Europa: primo caso di contagio da vaiolo delle scimmie con febbre, vesciche e vomito

L'uomo avrebbe contratto la malattia in Nigeria da cui è poi partito per l'Inghilterra. Il vaiolo delle scimmie è una malattia abbastanza rara

Il primo caso di contagio da vaiolo delle scimmie è stato registrato in Europa, precisamente in Inghilterra. Il vaiolo delle scimmie presenta la stessa sintomatologia del vaiolo (rush cutaneo con vesciche e papole, febbre, debolezza, dolori articolari), ma è letale solo nel 10% dei casi. Una percentuale inferiore a quella del vaiolo stesso.

Primo caso in Europa di vaiolo delle scimmie

Secondo quanto riportato dalla sanità pubblica inglese, il contagiato sarebbe un cittadino nigeriano che risiedeva in una base navale della Cornovaglia. Si pensa che l’uomo abbia contratto la malattia proprio in Nigeria, prima di partire in aereo per la Gran Bretagna. I passeggeri che si trovavano con lui sul volo sono stati contatti, in via del tutto precauzionale, per monitorare le loro condizioni. L’uomo è stato invece portato al reparto malattie infettive del Royal Free Hospital di Londra. La rara malattia si diffonde poco facilmente. Il contagio avviene entrando in contatto con animali infetti, soprattutto roditori, ma può anche essere trasmessa da uomo a uomo. Fortunatamente è una malattia abbastanza innocua: c’è il 10% di possibilità che possa risultare letale contro il 30% del vaiolo.

Vaiolo delle scimmieUna persona presenta un rush cutaneo causato dal vaiolo delle scimmie. Foto: The Global Dispatch


Cos’è il vaiolo delle scimmie

Il vaiolo delle scimmie è una rara malattia trasmessa da animali, causata dal virus Monkeypox, scoperto per la prima volta nel 1958 in alcuni esemplari di macaco cinomolgo. A quanto pare, però, il vero serbatoio della malattia sono i roditori, come i ratti del Gambia, alcune specie di scoiattoli, i ghiri e i cani della prateria, che nel 2003 fecero ammalare 71 persone negli Stati Uniti. Il contagio avviene tramite un morso da parte dell’animale infetto. Il contagio da uomo a uomo può accadere, ma non è frequente. L’incubazione del virus dura 10 giorni, dopodiché si manifestano i sintomi. Dolori muscolari, crisi di vomito, febbre, brividi, sudorazione e ingrossamento dei linfonodi che precedono le eruzioni cutanee. Solitamente la malattia va via in 2-5 settimane. Il vaiolo delle scimmie è stata riscontrato maggiormente in Africa Centrale e Occidentale. Il caso individuato in Inghilterra finora sembra essere l’unico.

Europa: primo caso di contagio da vaiolo delle scimmie con febbre, vesciche e vomitoCredit: CDC


Europa: primo caso di contagio da vaiolo delle scimmie con febbre, vesciche e vomitoCredit: CDC