Calenda e la malattia della moglie: "Parlarne poteva essere d’aiuto"

L'ex ministro Carlo Calenda ha rivelato appena qualche giorno fa che la moglie ha avuto una recidiva della Leucemia, ora torna a parlarne

Carlo Calenda, ex Ministro dello Sviluppo Economico, ha parlato ieri sera alla trasmissione Stasera Italia dedicando una piccola parentesi alla malattia della moglie. Il ministro ha dedicato solo una piccola parentesi del suo intervento in trasmissione alla moglie, che ha avuto una recidiva della leucemia: un modo per sensibilizzare senza cadere nella tv macabra che analizza il dolore.

Le parole del ministro

Detesto i pietismi e i Truman Show sulle persone che non stanno bene, però c’era un problema: avevo chiesto a tanta gente di lavorare sul territorio, avevo previsto di essere in moltissimi posti, in moltissimi paesi”, poi però le cose sono andate diversamente e l’ex ministro ha deciso di assentarsi. “mia moglie ha avuto una recidiva di una malattia che ha avuto. A quel punto io avevo due alternative: dire una bugia o dire la verità. Io credo che la verità sia molto importante nella malattia, noi crediamo e con Violante siamo sempre stati molto aperti, ci siamo detti che parlare della sua malattia poteva essere d’aiuto“.


E ancora: “Parlare aiuta soprattutto chi sta male, elimina in loro il senso di colpa che spesso si insinua“. Calenda ha poi specificato di volersi fermare per rispetto della privacy della famiglia. Vittorio Feltri, che era ospite della puntata ha voluto dedicare anche lui un pensiero: “Non si preoccupi, conosco una persona che dopo la leucemia è guarita e sta benissimo“.



L’annuncio

I primi di settembre, dopo la chiusura delle trattative sull’Ilva, Carlo Calenda ha deciso di rivelare tramite Twitter la malattia della moglie: “Devo una spiegazione, ora che ILVA è chiusa, ai tanti che chiedono perché non vado alle feste dell’unità o a incontri sul territorio. Mia moglie ha avuto una recidiva della Leucemia ed è in ospedale per trapianto. Seguo i tre bimbi e lei e non posso allontanarmi da Roma“.

Calenda e la malattia della moglie: "Parlarne poteva essere d’aiuto"