Per l'Italia il mondiale finisce qui: storditi al primo set dalla Polonia

Il mondiale dell'Italia finisce così, al primo set con la Polonia, a un passo dalla semifinale

Ci hanno provato, ma la Polonia oggi ha detto no. Lo sapevano tutti che era quasi impossibile, ma il pubblico di Torino ha provato a spingere la Nazionale italiana verso la vittoria. La speranza invece si è spenta subito, per Zaytsev e i suoi il mondiale è finito già al primo set con la Polonia.

Un mondiale finito

Avevano fatto sognare l’Italia, ma con la partita di mercoledì persa contro la Serbia tutti sapevano che oggi era praticamente impossibile. Bisognava vincere 3 a 0, ma non solo: ogni punto sarebbe stato importante. Non è andata così, la porta della semifinale si è chiusa in faccia agli Azzurri al primo set vinto senza difficoltà dalla Polonia campione del mondo in carica. Dal secondo set i polacchi in campo erano le riserve, domani, in fondo, si giocano la semifinale di questo mondiale italiano. I nostri sono tra le migliori sei squadre del mondo e da qui si ripartirà. Dalla fine di quel primo set l’Italia è andata avanti e ha giocato solo per onorare la maglia.

I ragazzi hanno dimostrato di volerla comunque vincere questa ultima partita mondiale, spinti dal tifo di Torino che non si è fermato di fronte alla sconfitta e ha cercato di sostenere gli Azzurri in campo. Alla fine l’Italia vince 3 a 2.





 





















Visualizza questo post su Instagram






































 

Meteoriti in arrivo

Un post condiviso da Andrea Lucchetta (@andrea_lucky_lucchetta) in data:





Le parole degli Azzurri

Il primo a parlare è il palleggiatore azzurro Simone Giannelli che riconosce che l’errore è stato contro la Serbia. Questa sera però hanno fatto di tutto per vincere: “L’abbiamo fatto per l’orgoglio italiano“. Mentre ai microfoni della Rai risuonavano le parole di Giannelli, il capitano Ivan Zaytsev parlava al pubblico presente. Due delle voci più importanti di questa nazionale hanno parlato e ringraziato il pubblico.