massimo giletti non è l'arena

Asia Argento torna a parlare di quanto accaduto dopo lo scandalo Jimmy Bennett a Non è l’Arena. Il programma condotto da Massimo Giletti su La7 ha ospitato nella scorsa puntata proprio il giovane attore, che dichiara di aver avuto rapporti sessuali con la regista quando era minorenne. Argento, dopo aver rilasciato un’intervista al Daily Mail Tv, ha voluto replicare anche sui mezzi d’informazione italiani. L’attrice nega qualsiasi coinvolgimento sessuale con Bennett, e lancia un duro attacco a Rain Dove e Rose McGowan, voci di primo piano del movimento #MeToo, le quali avrebbero reso pubblici sms privati scambiati con l’attrice.

Asia Argento su Jimmy Bennett: “Mi è saltato addosso”

La regista ripercorre quanto accaduto con Jimmy Bennett, dal quale dà una versione totalmente differente dell’incontro.

Argento spiega di aver incontrato il ragazzo per proporgli una parte in un piccolo film indipendente che stava preparando, così da aiutarlo nella sua carriera. Dopo la proposta è seguito un lungo abbraccio, da “madre a figlio” racconta la regista: “In quel momento, con gli ormoni impazziti, ha iniziato a baciarmi e toccarmi, nella maniera di un ragazzo che ha una pulsione sessuale nei miei confronti. Sentire questa cosa mi ha congelato, mi è saltato letteralmente addosso“.

Asia Argento descrive quanto accaduto dopo: “Mi ha spogliato mi ha messa di traverso sul letto, mi è salito sopra.

Ha fatto quello che doveva fare, cioè sesso completo, non ha usato nemmeno un preservativo. Ha avuto un orgasmo, io ero fredda e immobile, finita questa cosa che sarà durata 2 minuti si è messo accanto a me, io gli ho detto: ‘Jimmy che cosa hai fatto? Io non ho mai pensato a te in questi termini’. E lui mi ha detto: ‘Sei il mio desiderio sessuale da quando avevo 12 anni’ e si è fatto questo selfie“.

asia argento non è l'arena

Asia Argento a Non è l’Arena

L’intervista di Bennett: “Mi ha fatto soprattutto pena”

L’attrice parla della sue sensazioni nel vedere Jimmy Bennett, oggi 23enne, nello studio di Massimo Giletti.

Mi ha fatto arrabbiare, ma soprattuto mi ha fatto pena perché i suoi occhi erano vitrei, e mi ha ricordato ancora una volta di questo bambino che ho conosciuto e che poi non ha proseguito la sua carriera. Un’anima persa quindi“, dichiara Argento. Riguardo il suo incontro con il giovane attore a Los Angeles, la regista spiega che non sapeva fosse minorenne, anche perché non si vedevano da almeno 10 anni.

Argento porta a Non è l’Arena una mail del 9 maggio 2013 indirizzata a Bennett che corrobora la sua ricostruzione: lei e il giovane attore doveva incontrarsi dopo molto tempo, un incontro che lei aspettava trepidante. “Io piangevo, mi sono bevuta un bicchiere di vino tanto ero emozionata. Per me era un figlio, come un ragazzino che ho seguito quand’era così piccolo e non ho più visto. Io sono stata coach sul film di Bruce Willis gratis per seguirlo, sono stata come una mamma“, conclude l’attrice.