Luca, 23 anni, ha raro tumore: l'unica possibilità è un'operazione in America

Anche il mondo dello spettacolo si mobilita per sostenere la lotta di Luca contro un raro tumore alle ossa

Un raro tumore alle ossa della gamba destra rischia di fermare la sua vita a 23 anni. Per Luca Cardillo, della provincia di Catania, la lotta contro la malattia necessita di aiuti economici. Così è partita una raccolta fondi per sostenere le cure negli Stati Uniti.

Il sogno di diventare attore

Sognava di diventare attore Luca Cardillo, originario di Giarre, nei pressi di Catania. Aveva lasciato la sua Sicilia per trasferirsi a Roma dove, all’Accademia di Cinecittà, desiderava far avverare il suo sogno. Alcuni forti dolori alla gamba destra, avvertiti durante le vacanze estive in Sicilia, lo hanno costretto, nel 2016, a eseguire alcuni controlli. “Due ore trascorse dentro una stanza – ha raccontato la sorella, Lidia, in una lettera pubblicata su Gofoundme – sono bastate a capire che qualcosa non andava, che non era un semplice dolore muscolare, non era niente di tutto questo, forse si trattava di qualcosa di più serio”. E infatti la diagnosi è stata terribile: il ragazzo è affetto da una forma rara di osteosarcoma, un tumore che colpisce le ossa. La malattia, la cui incidenza è forte nei soggetti tra i 10 e i 30 anni, colpisce molto più facilmente gli individui maschili. Proprio come Luca, fermato nella corsa verso le sue aspirazioni.

Una radiografia dell'osteosarcomaUna radiografia dell’osteosarcoma. Immagine di repertorio.


Le cure inutili

Il 23enne viene così sottoposto alle chemioterapie all’ospedale Gemelli di Roma ma la terapia non sortisce gli effetti sperati. “Una delle soluzioni migliori – prosegue la lettera – sarebbe stata l’amputazione dell’anca fino a quando sono comparse le prime metastasi ai polmoni. Mia mamma, insieme a mio fratello hanno girato i vari centri sperimentali d’Italia, con la speranza di poter trovare una cura adatta a lui. Niente da fare: al momento non esistono cure. Ha continuato a fare chemioterapia per evitare la diffusione del tumore e delle metastasi, ha proseguito a sottoporsi a TAC, risonanze ma la situazione peggiorava sempre di più fino a quando, la settimana scorsa, i dottori hanno interrotto la chemioterapia, decidendo di mandarlo a casa e continuare la chemioterapia a compresse.



Ma Luca ha rinunciato a una cura quotidiana a base di compresse che servirebbe ad allungare la sua vita ma non a fermare le sofferenze. L’unica soluzione è un intervento chirurgico negli Stati Uniti dove è testimoniato che si riesca a curare il tumore l’osteosarcoma. I costi dell’operazione – circa 500mila euro – sono esorbitanti, la famiglia del ragazzo non riesce ad affrontarli. La sorella ha pertanto deciso di avviare una raccolta fondi: al momento sono stati racimolati 28mila euro. Ancora troppo pochi. In tanti, tra artisti e personaggi dello spettacolo come Alessandro Borghi, Emma Marrone, Tiziano Ferro e Ermal Meta, hanno condiviso l’appello effettuando una donazione.



Chi volesse effettuare una donazione può usare il Codice IBAN: IT59V0200884170000104459184. Intestatario  Luca Cardillo, codice bic swift: UNCRITM1K58.