Maria Tanina Momilia, morta a Fiumicino: il personal trainer è tra i sospettati

La Momilia e l'istruttore della palestra avrebbero preso appuntamento per una lezione extra il giorno della scomparsa della donna

Sembrano esserci delle svolte nel caso di Maria Tanina Momilia, la donna di 39 anni trovata morta l’8 ottobre in un canale di scolo, nei pressi di Fiumicino. Le forze dell’ordine stanno interrogando al momento uno dei personal trainer della palestra frequentata dalla donna.

Il personal trainer della donna è tra gli indagati

Secondo quanto riportato da Il Corriere della Sera, Andrea D. F., 56 anni, ex ispettore della polizia, istruttore di karate, sarebbe uno degli indagati per l’omicidio di Maria Tanina Momilia. Il giorno dopo la scoperta del corpo, lunedì, sarebbe stato messo sotto torchio dagli agenti di polizia. I carabinieri prima lo avrebbero accompagnato a casa e poi nella palestra dove organizza corsi di difesa personale. All’uomo sarebbe anche stata sequestrata la macchina. Non è ancora stato chiarito in che rapporti fossero Tanina Momilia e il suo personal trainer. I due avevano preso appuntamento per una lezione privata proprio domenica mattina, giorno della scomparsa della donna, quindi Andrea D. F. sarebbe stato l’ultimo a vederla viva. Così conferma anche il proprietario della palestra, Ivano Bellei: “Si allenavano insieme certo, ma non ho mai saputo di qualche flirt tra di loro. So che avevano appuntamento per una lezione credo privata, lui aveva preso le chiavi per entrare”. Sempre secondo quanto riportato dal Corriere, durante l’interrogatorio l’uomo sarebbe caduto in contraddizione, ma non ci sarebbero comunque gli estremi per un fermo.

maria tanina canaloneIl luogo del ritrovamento


Il movente passionale potrebbe essere la causa

Il Messaggero riporta le voci che parlano di una presunta lite tra Tanina Momilia e una compagna di uno dei personal trainer, accaduta alcuni giorni prima dell’omicidio. Il movente passionale potrebbe quindi essere una delle cause dietro la morte della 39enne. La donna era uscita di casa domenica mattina dicendo di recarsi a pranzo da amici, amici da cui non arrivò mai. Da allora di lei non si era saputo più nulla. “Aiutatemi è da stamattina alle 10 che non si hanno più notizie di mia moglie. È sparita nel nulla aiuto”, così aveva scritto il marito su Facebook, Daniele Scarpati. Il suo corpo, contuso e con una profonda ferita alla testa, è stato poi ritrovato da due addetti alla manutenzione lunedì in un canale di scolo, ai lati di una strada periferica di Fiumicino.

L’arma del delitto non è stata trovata. Inoltre si pensa che la donna possa essere stata uccisa in un altro posto e poi gettata nel canale. Intanto alcuni testimoni dicono di averla vista, all’ora di pranzo, passeggiare nervosamente, avanti e indietro, su via Trincea delle Frasche all’Isola Sacra, una via parallela a dove poi è stato trovato il cadavere. Sembrava che aspettasse qualcuno.”Me l’hanno ammazzata e non so perché“, ha detto il marito.”Era una donna solare, piena di vita, intelligente. Ha venduto passeggini a mezza Fiumicino“, raccontano le amiche Giorgia ed Emanuela. Maria Tanina Momilia lavorava da anni da Foschi, un negozio che vendeva articoli per l’infanzia. Amava cantare, specialmente al karaoke. Lascia un marito e due figli, di 13 e 18 anni.