Donna morta a Fiumicino, confessa il personal trainer

Si è costituito il personal trainer indagato per l'omicidio di Maria Tanina Momilia. La donna era stata trovata morta lunedì scorso

Maria Tanina Momilia, 39 anni, è stata trovata morta lunedì a Fiumicino, in via Castagnevizza. Il corpo era in un canale, con delle ferite sul cranio. Subito erano scattate le indagini per omicidio e avevano portato sulle tracce del personal trainer della donna. Negli ultimi minuti, la notizia: l’uomo avrebbe confessato.

La confessione

Incredibile svolta nel caso di Maria Tanina Momilia. Questa mattina il personal trainer, 56 anni, si è presentato in caserma dai carabinieri di Fiumicino insieme al suo avvocato. Lì avrebbe detto di voler confessare, così è stato portato al comando dei carabinieri del gruppo Ostia. Verrà ascoltato in queste ore dagli agenti che si stanno occupando delle indagini.

Donna morta a Fiumicino, confessa il personal trainer

Il ritrovamento di Maria Tanina Momilia

Daniele Scarpati, sconvolto dalla scomparsa della moglie, aveva lanciato numerosi appelli nelle scorse settimane: “Aiutatemi è da stamattina alle 10 che non si hanno più notizie di mia moglie. È sparita nel nulla aiuto“. Lunedì poi il tragico ritrovamento: all’inizio si era pensato che la donna potesse essere scivolata nel canale per poi sbattere la testa. Dopo un’attenta analisi del corpo, però, le ferite hanno portato gli investigatori su un’altra pista: il cranio, infatti, presentava una profonda ferita dietro la nuca, non compatibile con un urto accidentale o con una caduta.

L’avvocato di De Filippis nei giorni scorsi, aveva dichiarato: “Hanno fatto una perquisizione personale anche in tarda notte e non è stato trovato nulla, tanto che mi hanno rilasciato. Non ci sono misure restrittive nei miei confronti, mi hanno controllato l’auto, l’abitazione e perfino sotto le unghie per vedere se potevano esserci residui organici di Tanina. So di non aver fatto nulla di male e da uomo che ha portato la divisa credo che la giustizia farà presto il proprio corso“.