Damian Ellis, inglese di 44 anni e padre di due figli, in una notte di agosto è stato punto alla gamba da un animale. Stava dormendo a casa sua, a Droylsden, nella contea della Greater Manchester. Inizialmente non si è preoccupato perché era convinto di essere stato punto da un moscerino, ma si sbagliava. Nelle 24 ore successive ha capito che non si trattava affatto di una puntura: la ferita sulla gamba si era allargata e infettata, causandogli grande dolore.

Era il morso di una falsa vedova nera

Il giorno dopo un amico, vedendo la lesione, gli ha suggerito che poteva trattarsi di un morso di ragno, ma Damian non l’ha preso sul serio e si è messo a ridere.

La sensazione di bruciore, però, persisteva e la ferita continuava a peggiorare e ad allargarsi. “Ho cercato su Google i miei sintomi e ho visto foto di morsicature di falsa vedova nera – ha riportato al The Sun l’uomo inglese, proprietario di una compagnia di pompe idrauliche – Ed erano identiche a quella sulla mia gamba”. La falsa vedova nera ha questo nome perché assomiglia molto alla vedova nera, ma a differenza di quest’ultima, il suo veleno non ha conseguenze estremamente gravi sull’uomo.

Ferita morso falsa vedova nera

La ferita sulla gamba causata dal morso della falsa vedova nera (Foto: Mercury Press)

La ferita gli ha lasciato una cicatrice sulla gamba

Prima di rivolgersi ai medici, Damian ha deciso di tentare l’automedicazione applicando una pomata antisettica e cambiando regolarmente la fasciatura. Inizialmente questa soluzione non sembrava avere alcun effetto: “Il morso era diventato delle dimensioni di una moneta da 50 penny – la più grande delle monete britanniche – e sui bordi sembrava che l’infezione stesse divorando la mia carne, mentre il buco diventava sempre più profondo”. Preoccupato, ha pensato quindi di andare in ospedale, ma poco tempo dopo fortunatamente la ferita ha iniziato a guarire.

Adesso, a circa due mesi dall’accaduto, Damian ha una cicatrice permanente sulla gamba. A seguito di questo episodio, l’uomo ha affermato: “I ragni non mi hanno mai dato fastidio, ma se adesso mi capita di vederne uno, ne sto alla larga perché non voglio che questo succeda un’altra volta”.

Le false vedove nere stanno diventando un problema nel Regno Unito

Si pensa che questo aracnide sia arrivato sul suolo britannico circa un secolo e mezzo fa a bordo di un carico di banane proveniente da Madeira e dalle Canarie. Solo negli ultimi anni, però, sta diventando un problema. Nel Regno Unito il numero di false vedove nere – il cui nome scientifico è steatoda nobilis – è molto elevato e si ritiene che sia in aumento.  Sono presenti soprattutto al sud dell’isola, ma a causa degli inverni sempre più miti, si stanno spostando anche verso nord, come riporta la British Arachnological Society.

Falsa vedova nera

Falsa vedova nera o steatoda nobilis

Gli allarmi da parte di privati riportati alle compagnie di disinfestazioni sono sempre più numerosi. Nei primi giorni di ottobre è arrivato a 7 il numero di scuole londinesi chiuse a causa di un’infestazione di false vedove nere. Questo animale è considerato il ragno più velenoso nel territorio britannico.

(Foto in evidenza: Mercury Press)