Rissa Gemma Tina Uomini e Donne

Finisce in rissa (o quasi) l’ennesima lite tra Gemma Galgani e la sua nemesi, Tina Cipollari. Le due anime del trono over di Uomini e Donne sono state separate da Maria De Filippi nel corso di una puntata piuttosto turbolenta del dating show di Canale 5. Ed un’altra pagina di trash televisivo è stata scritta, ma il capitolo – a dirla tutta – non è certamente dei migliori.

I motivi della rissa

Tutto nasce con la comparsa di un fantoccio, la solita mummia – ma stavolta in versione giapponese – che Tina porta in studio per prendere in giro la Galgani. Stavolta la dama si è alzata e ha “decapitato” il pupazzo, toccandogli i capelli e facendo cadere in terra la testa.

A quel punto, la De Filippi si è alzata dai soliti scalini per evitare il peggio. La Cipollari si era infatti avventata su Gemma tirandole i capelli.No Maria, lasciami, voglio darle uno schiaffo in faccia” ha detto l’ex vamp della trasmissione. Dall’altra parte una Gemma Galgani che non resta indietro: “Non ho paura di te”. E il tutto tra risate e sberleffi da parte del pubblico. Una specie di commedia dell’arte, che però è il segnale evidente di un dramma in termini di contenuti.

rissa tina cipollari

Qual è il limite?

Il trash è ormai un genere televisivo a tutti gli effetti, specie su certi canali, ed è anche estremamente redditizio (non fosse altro che per l’eco prodotta sul web). Questo però non può essere un alibi per abituarsi a quanto avviene in certi contesti. Tina e Gemma sono ormai ridotte a due macchiette, due caricature esasperate dei loro stessi personaggi. E va bene fino a quando si limitano a fare intrattenimento spicciolo. I toni violenti e una rissa sfiorata, però, non dovrebbero essere accolti da risate e sorrisi – a partire dalla conduttrice – e non dovrebbero diventare il punto più alto di una trasmissione che ormai punta sempre più su questo.

Qualche tempo fa, scene del genere venivano tagliate dal montaggio di Uomini e Donne. Oggi vengono rilanciate addirittura sui social. È stato superato un limite?

Gemma Tina schiaffi