silvestrin

Enrico Silvestrin emoziona fino alle lacrime Federica Panicucci. L’ormai ex inquilino del Grande Fratello Vip è stato ospite a Mattino 5 per commentare la sua esperienza al reality.

Ma Enrico non ha parlato solo della sua vita nella Casa, ma anche della sua vita reale e tutti gli eventi importanti che l’hanno segnata, come la nascita del figlio o la morte della madre.

“Rivoltato con un pedalino”

L’ex dj racconta come lo abbia profondamente segnato. “Sono entrato al Grande Fratello Vip insicuro di me e sono uscito rivoltato come un pedalino“. Il reality gli ha aperto gli occhi su molte cose, come l’amore per la sua compagna.

Quello in crisi ero io” ha detto spiegando che la fidanzata gli è sempre stata accanto anche nei momenti più importanti.

Enrico Silvestrin al GF Vip

Silvestrin, ovviamente, ha anche parlato dei suoi ex coinquilini, quelli con cui si è scontrato, come Eleonora Giorgi e Valerio Merola. La prima ha detto il conduttore: “Faceva i cappottini alla gente appena si girava “. Con il secondo invece i rapporti sono sempre stati tesi. Silvestrin ha sempre detto di non gradire il fatto che Merola si sia spesso vantato delle sue conquiste.

Le lacrime della Panicucci

Parlando del GF Vip, la regia manda in onda una clip di Silvestrin, di quando in confessionale parlò di sua madre.

La donna morì in seguito ad una malattia fulminante. Enrico racconta di come gli sia crollato il mondo addosso quando il medico, con la sua diagnosi, decretò che sua madre aveva appena un mese di vita. Una cosa che l’ex dj accettò con molte difficoltà. Il racconto di Silvestrin è così accorato che Federica Panicucci non trattiene il pianto: “Le lacrime in tasca io le ho sempre“.

Enrico Silvestrin emoziona Federica Panicucci a Mattino 5

Poco dopo la scomparsa di sua madre, però, tornò la luce nella vita di Enrico.

Fu il figlio a portarla: alcuni mesi seguenti la morte della donna venne al mondo il piccolo Gianmarco. Silvestrin racconta di aver assistito al parto e di aver portato con sé in sala parto una foto della madre, perché -dice- la voleva accanto in un momento così importante della sua vita.