molestie


Orrore a Castel Volturno: una dottoressa di 61 anni sarebbe responsabile di molestie sessuali gravi nei confronti di un bambino di 9 anni. I fatti sarebbero emersi grazie al bambino, che si sarebbe confidato con la sorella su quanto accaduto. Le analisi mediche avrebbero confermato le violenze.

Aveva lesioni al glande

Da una parte una signora “per bene”, chirurgo specializzato in chirurgia estetica nel napoletano. Dall’altra un bambino di 9 anni, figlio dei vicini di casa, che della signora si fidavano al punto da lasciare il bambino andare da solo dalla signora per usare la sua piscina.

[caption id="attachment_312252" align="aligncenter" width="854"]violenza bimbo immagine di repertorio[/caption]

 

I fatti risalirebbero ad agosto: nel clima torrenziale di un’estate caldissima si sarebbero consumate violenze aggressive: il bimbo, giunto in casa della donna, sarebbe stato preso da quest’ultima e portato in un punto appartato della  casa. Lì, lei gli avrebbe calato i pantaloni e lo avrebbe molestato, a quanto pare, con irruenza: addirittura, successivi esami medici avrebbero certificato la presenza di lesioni al glande.

Un quadro indiziario grave

dopo le violenze il bimbo, sotto shock, ha raccontato tutto alla sorella più grande, che ha poi informato i genitori: il piccolo è stato portato immediatamente all’ospedale per essere sottoposto ad analisi mediche, e sono state accertate le violenze. Gli inquirenti hanno poi raccolto le testimonianze del bambino che ha raccontato come sarebbe stato adescato, ha descritto le violenze e il comportamento della signora. Il racconto è risultato calzante con le analisi fatte e per la dottoressa sono scattate le manette. Essendo il quadro indiziario molto grave, la situazione è altrettanto pesante per la dottoressa.