jovanotti

Su Jovanotti si è abbattuta una vera e propria bufera social. A scatenare la polemica è stato il suo ultimo videoclip del suo ultimo successo discografico, Chiaro di Luna, ambientato ad Asmara, capitale dell’Eritrea.

Dalle immagini del videoclip, secondo qualcuno, il paesaggio eritreo sarebbe dipinto quasi come idilliaca meta turistica. Chi ci è stato, però, rivela che le condizioni lì sono molto diverse.

L’opinione di Quirico

Ad appiccare la discussione, divenuta virale in poco tempo, è il giornalista Domenico Quirico, che alle pagine di La Stampa ha affidato il suo disappunto nei confronti della scelta del cantante che canta l’amore. Quirico, sequestrato in Siria nel 2013 da alcuni terroristi, non nega che l’Eritrea abbia un suo fascino, ma ritiene che l’immagine che ne consegna il video della canzone di Lorenzo Cherubini sia di fatto distorta e fuorviante.

Alcuni luoghi del mondo non sono neutri, un puro suggestivo palcoscenico che richiama l’idea della bellezza” sottolinea Quirico.

Il giornalista specifica che l’Eritrea sia un Paese “scenario di eventi che scatenano reazioni, umori, rifiuti, pregiudizi e giudizi: migrazioni che molti vorrebbero declinare e liquidare come animalesche transumanze, fanatismi, palpiti di società civile, gioventù divise tra rassegnazione e rivoluzione, modernità e regimi corrotti e implacabili“. Non a caso, ogni anno, molti giovani eritrei lasciano Asmara.

La reazione del web

L’articolo di Quirico ha subito fatto il giro della rete, raccogliendo consensi di utenti che la pensano allo stesso modo. Su Twitter in tanti hanno condiviso la pagina di La Stampa dove sono state pubblicate le parole del giornalista.

 

La preoccupazione più grande secondo Quirico è che una visione parziale e irreale di quel mondo possa alimentare “In questa epoca pericolosamente superficiale, il numero di coloro che, a torto, sostengono che gli africani stanno benissimo a casa loro e non hanno alcuna ragione per venire a turbare la pace di chi sta, per sua fortuna, dall’altra parte del mare“.

La risposta di Jovanotti

Non ha tardato ad arrivare la replica del cantante alle parole di Quirico. Jovanotti ha infatti voluto spiegare le ragioni che l’hanno spinto ha girare il suo videoclip ad Asmara.

Un’immagine del videoclip di Chiaro di Luna

Le ragioni che mi hanno spinto a girare in Eritrea sono di natura artistica, ma tengono conto anche del contesto sociale: non ci sono andato con leggerezza o peggio ancora con intenzioni negazioniste” comincia il cantante, come riporta il TPI. L’intento, spiega Jova, era quello di “Contribuire all’ apertura attraverso il racconto delle dinamiche amorose in un’atmosfera ‘sospesa’, come se avvenissero prima di un grande cambiamento“.