gabriel-garko

Gabriel Garko è ad un punto di svolta decisivo. Scomparso per un po’ dalle scene, l’attore e sex-symbol ha deciso di prendersi del tempo per apportare importanti cambiamenti nella sua vita, nel modo di approcciarsi ai social e ai media.

Tra i tanti argomenti  l’attore affronta a volto scoperto anche 2 tematiche da sempre molto spigolose: la presunta omosessualità e “le storie d’amore a contratto”. Esasperato dalle perpetue insinuazioni, Garko dà un paio di risposte che suonano come definitive.

Un nuovo Garko

È vero, non si fa vedere in giro da un po’ il buon vecchio Gabriel, ma c’è un motivo: ha deciso di dedicare un po’ di tempo la nuovo Garko. “Sono cambiate tantissime cose nella mia vita, sia dal punto di vista affettivo, sia dal punto di vista lavorativo” comincia  raccontando al giornale diretto da Alfonso Signorini. “Mi sono ritirato per un po’ dalle scene, e in questo periodo di ritiro mi sono finalmente ritrovato e sono più forte di prima”.

L'attore Gabriel Garko

L’attore Gabriel Garko

Ha trovato nuovi stimoli, nuove spinte e mantenuto solo contatti autentici. “Ho trovato una pace interiore che prima tutto sommato non avevo grazie a persone amiche e a libri sul pensiero e sulla fisica quantistica. Ho tagliato via i rami secchi, ho messo virgole dove serviva un punto e vicino a me ho scelto di avere solo due tipi di persone: quelle con le quali sto bene e condivido tutto e quelle di cui beneficio a uso e consumo“.

Argomenti spinosi

Con Chi Garko ancora una volta non si tira indietro di fronte a quelle domande più sfrontate. E così a cuore aperto parla dell’amore: “Sono profondamente spaventato dall’amore e, mai come oggi, non so più se è meglio darsi o egoisticamente ricevere e basta. Non mi importa nulla del tempo che passa e l’idea che uno debba sposarsi e fare figli entro una certa età per compiacere una parte della società, mi dispiace, ma non fa per me”.

Emma-Grimaldi-e-Gabriel-Garko

Emma Grimaldi ai tempi della sua storia con Gabriel Garko

Una volta e per tutte risponde alle solite provocazioni: “Mai avuto un contratto per una storia ma non mi meraviglio. Di me, in fondo, si è sempre detto di tutto. Compresa la leggenda sulla mia omosessualità. Di smentire non ho più voglia. Chi è risolto non avrà mai bisogno di tacciare qualcun altro di quello che non è, come se poi fosse deplorevole essere omosessuale. Mi fanno soffrire le cose brutte e false. La cattiveria dilagante sui social mi fa paura ed è anche per questo che posto molto meno. Non voglio far parte del gioco al massacro e della condivisione forzata“.