"Babbo Natale non esiste", maestra licenziata per aver svelato il segreto di Santa Claus

Una maestra in New Jersey ha detto a dei bambini di prima elementare che Babbo Natale non esiste. Le reazioni dei genitori non si sono fatte attendere e la scuola l'ha licenziata in tronco

Ha suscitato molto clamore la storia della “maestra Grinch” che, in un curioso impeto di verità, ha voluto rivelare il segreto di Santa Claus e di altre storie note solo ai grandi, a dei bambini di prima classe della Cedar Hill Elementary School in New Jersey, dove stata facendo supplenza. Una volta saputo ciò che era successo i genitori dei piccoli non hanno tardato a manifestare il loro disappunto e la scuola ha deciso di licenziare la donna.

La “maestra Grinch”della scuola di Montville

Non si conosce il motivo per cui la maestra abbia scelto di rivelare la verità su Babbo Natale a dei bambini di soli 6 anni mandando di fatto in frantumi una delle loro fantasie più belle; ma questo non è l’unico motivo che ha fatto arrabbiare i genitori dei piccoli della scuola di Montville.

il-grinchIl Grinch, nell’allegoria del natale e delle favole, è un personaggio che odia le feste natalizie e cerca continuamente di sabotarle


Secondo Lisa Simek, la madre di uno dei bambini, l’insegnante in questione, di cui non è stato diffuso il nome, dopo aver detto che in realtà sono i genitori a comprare i regali e a metterli sotto l’albero, avrebbe cercato di rovinare lo spirito delle altre festività e credenze. “Non si è nemmeno fermata lì: la fatina dei denti non è reale perché mamma o papà si intrufolano nella tua camera nel bel mezzo della notte e mettono i soldi sotto il cuscino, lo stesso vale per il coniglietto di Pasqua. Ha detto che la magia non esiste, che non esiste nulla di magico“, ha scritto Lisa sul gruppo privato delle mamme su Facebook riportando le parole che avrebbe pronunciato la maestra.

La scuola ha preso provvedimenti

Michael Raj, il preside della scuola di Cedar Hill, ha voluto scusarsi per l’incidente inviando una lettera ai genitori in cui li informava di aver prontamente ripreso la maestra per il suo “scarso giudizio“. Anche Rene Rovtar, sovrintendente delle scuola , ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma di essere preoccupata e scoraggiata per l’accaduto.”La meraviglia dell’infanzia associata a tutte le vacanze e le tradizioni è qualcosa che personalmente tengo vicino e caro nel mio cuore“, ha detto facendo poi sapere che la maestra non lavorerà più nel distretto.