Greta Thunberg


Si è conclusa in un buco nell'acqua la Conferenza di Katowice sul clima, in cui si dovevano discutere gli impegni programmatici per applicare le indicazioni della Conferenza di Parigi del 2015. Non si sono presi seri provvedimenti per combattere il cambiamento climatico. Persino il report dell'IPCC, in cui si sono studiate a fondo le conseguenze a cui andiamo incontro, è stato sconfessato. La strigliata ai leader mondiali è arrivata per bocca di una 15enne svedese, Greta Thunberg. La giovane attivista ha parlato di fronte alla platea riunita a Katowice, accusandoli di star rubando il futuro alle prossime generazioni.

La denuncia di Greta sui pericoli del cambiamento climatico

"Non si è mai troppo piccoli per fare la differenza", dichiara Greta Thunberg all'assemblea sul clima. La giovane fa l'esempio della sua personale esperienza, quando ha deciso che avrebbe scioperato da scuola per fare un sit-in davanti al Parlamento svedese in segno di protesta contro le politiche climatiche. Una storia che ha fatto il giro del mondo, e che ha portato la 15enne a fare un duro discorso ai leader mondiali. "Avete troppa paura di essere impopolari", accusa Greta, "Ma a me non interessa essere popolare, mi interessa la giustizia climatica e la vita sul pianeta". L'attivista osserva come nel 2078 compirà 75 anni e a quel punto i danni al pianeta potrebbero essere irreversibili: "Se avrò figli, forse passeranno quel giorno con me. Forse mi chiederanno perché non abbiate fatto niente, quando c'era ancora tempo per agire. Dite di amare i vostri figli più di ogni altra cosa, eppure state rubando il loro futuro proprio davanti ai loro occhi".

GUARDA IL VIDEO: