paracadute ucraina

Bogdan Firsov era un ragazzo di  soli 15 anni, che ha trovato la morte dopo un lancio nel vuoto con un paracadute fatto in casa, nel tentativo di realizzare un video per i social. Bogdan aveva costruito in casa il suo paracadute che, dopo il volo di circa 40 metri dal parapetto dell’edificio, non si è però aperto. Anchela madre era presente e avrebbe incoraggiato assieme ad altre persone il ragazzo. Il fatto è avvenuto nel villaggio di Makiivka, nell’Est dell’Ucraina.

La madre lo incita e assiste allo schianto

La madre del 15enne, sotto shock, ha assistito alla scena dopo aver incitato il figlio al salto, inconsapevole del tragico esito a cui di lì a poco avrebbe dovuto assistere impotente. Come riporta la stampa, anche se il paracadute si fosse aperto non sarebbe stato sufficiente a salvare la vita al ragazzo. Anche per i paracadutisti esperti sarebbero stati necessari almeno 70 metri, ma anche così sarebbe stato un azzardo. Nonostante l’evidente incoscienza dell’idea, la gente accorsa per assistere all’evento social annunciato presso il palazzo abbandonato non ha fatto nulla per far desistere il ragazzo.

15enne ucraina

Foto: Anna Liesowska/east2west news

La gente ha perso l’umanità, non ha più buon senso

Agghiaccianti le immagini e i racconti che arrivano dall’Ucraina. Ancor più inquietante il fatto che ad assistere alla tragedia fossero presenti diverse persone e la madre del ragazzo. Un testimone oculare ha dichiarato al tabloid Daily Mail: “È successo proprio davanti ai miei occhi – e aggiunge – il ragazzo si è lanciato con il paracadute che non si è aperto e lui è caduto di schiena. È stato terribile. Bogdan è rimasto in cima al tetto per due minuti prima di lanciarsi. Nessuno ha chiamato la polizia nel frattempo, anzi, l’hanno incoraggiato. Compresa sua madre“. La donna non ha lasciato il luogo della tragedia ed ha assistito all’intervento – purtroppo vano – dei soccorsi giunti ormai troppo tardi.

paracadute 15enne

Foto: Anna Liesowska/east2west news