Cotton fioc

Con l’inizio del nuovo anno inizierà ad essere vietata la vendita di alcuni prodotti di plastica. Da gennaio 2019, infatti, verrà impedita la vendita dei bastoncini per la pulizia delle orecchie. Nello specifico, saranno interdetti i cotton fioc non biodegradabili. E l’Italia sarà il primo Paese a farlo.

Addio ai cotton fioc

A partire dal 1° gennaio 2019 verrà vietata, su territorio nazionale, la vendita e la produzione dei bastoncini di plastica per la pulizia delle orecchie. Nello specifico, saranno interdetti solamente i cotton fioc non biodegradabili, i quali verranno sostituiti da nuovi prodotti. Questi ultimi saranno dotati di supporto in materiale biodegradabile e compostabili, e riporteranno sulla confezione indicazioni circa il loro corretto smaltimento.


A tal proposito, Sergio Costa, il ministro dell’Ambiente ha dichiarato rispondendo al question time alla Camera: “Il Ministero dell’Ambiente è impegnato nella definizione di una proposta normativa che preveda delle soluzioni efficaci alla problematica dei rifiuti abbandonati in mare. Tale provvedimento si propone, in particolare, di agevolare il conferimento da parte dei pescatori dei rifiuti raccolti in mare «accidentalmente» durante le operazioni di pesca e garantirne una corretta gestione a terra, incentivare campagne volontarie di pulizia del mare e promuovere campagne di sensibilizzazione“.
Tale misura prevederà, inoltre, un fondo atto a favorire promozione e commercializzazione dei nuovi cotton fioc biodegradabili, pari a 250mila euro.

Addio cotton fioc non biodegradabili: da gennaio vietati in Italia

Gli ulteriori divieti nel 2020

Dal 2020, in aggiunta, verrà vietato anche il commercio dei prodotti cosmetici da risciacquo ad azione esfoliante o detergente contenenti microplastiche, ovvero particelle di plastica di misura uguale o inferiore a 5 millimetri. Non solo, in caso di violazione a tali divieti, scatteranno sanzioni dai 2.500 ai 100mila euro. E, in caso di comportamento recidivo, si potrebbe arrivare anche alla sospensione dell’attività produttiva, per minimo un anno.
Provvedimenti questi, previsti dall’emendamento introdotto nella legge di Bilancio per il 2018, approvato dalla V Commissione alla Camera e firmato da Ermete Realacci, l’allora presidente della Commissione Ambiente della Camera.

Sembrerebbe, inoltre, che l’Italia sarà il primo Paese ad attuare tale divieto. Infatti, come da Realacci stesso sostenuto: “In entrambi i casi siamo il primo Paese al mondo. Su questa partita è stata importante sia la crescita di sensibilità dell’opinione pubblica sia l’azione delle associazioni ambientaliste in particolar modo Marevivo e Legambiente che avevano appoggiato questo provvedimento“.

Addio cotton fioc non biodegradabili: da gennaio vietati in Italia