Bode Miller

Bode Miller ha deciso di fare un regalo di Natale molto speciale. Il campione americano olimpionico di sci, infatti, ha onorato la figlia morta annegata facendo stampare il suo volto sugli sci. Sembrerebbe, inoltre, che la medesima foto sia stata fatta imprimere anche su alcune tavole.

Il regalo di Miller alla figlia

Il campione olimpionico americano di sci Bode Miller, dopo la tragedia della figlia, morta annegata in piscina, ha deciso di tornare e riprendere. Per farlo, l’uomo ha fatto stampare il volto della sua bambina di appena 19 mesi sui suoi sci. La medesima foto, inoltre, è stata impressa anche su alcune tavole.

Un regalo di Natale speciale con il quale Miller onora e ricorda la propria figlia, Emeline Gier. Tale dono è stato condiviso dal campione con un post sul suo profilo personale di Instagram. Miller ha, infatti, pubblicato una sua foto con gli sci dedicati alla figlia e una didascalia riportante: “Il mio regalo di Natale preferito. Prendo la mia bambina che oggi scia con me“.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

My favorite Christmas present. Taking my baby girl skiing today.

Un post condiviso da Bode Miller (@millerbode) in data:

La tragedia e il nuovo bambino

Pochi mesi fa, Bode Miller e sua moglie Morgan Beck hanno perso la loro bambina, Emeline Gier, di appena 19 mesi. È bastata una manciata di secondi affinché la tragedia si consumasse.

Infatti, durante una festa fra amici nella villa a sud di Los Angeles, a Cota de Caza, i due hanno perso di vista la bambina, la quale, nel frattempo, è inspiegabilmente morta annegata in piscina. Nel giorno in cui Emeline avrebbe dovuto festeggiare il compleanno, la moglie di Bode Miller ha caricato sul suo profilo social l’immagine dell’ecografia del bambino che i due attendono. E, anche in questa occasione, il pensiero della coppia è andato alla piccola Emeline Gier. Infatti, come la stessa Morgan back ha dichiarato: “Mentre lo schermo passava all’immagine 3D, ho visto il mio dolce bambino.

 Ma con la stessa rapidità con cui vidi questo nuovo bambino, i miei occhi si sono spostati sull’angelo che giaceva a destra del suo viso, e le teneva braccia attorno al suo collo“. Aggiungendo: “Mi aggrappo a questa immagine come un chiaro segno che mio figlio conosce sua sorella. Che la mia bambina Emmy sia ancora con noi“.