Den Harrow

A distanza di anni dall’episodio, Den Harrow torna a parlare del suo pianto in diretta tv. Andava in onda la quarta stagione de L’isola dei famosi, e tra i concorrenti figurava anche lui, noto cantante degli anni ’80. Chi ha seguito il reality, ricorderà sicuramente il pianto nostalgico di Den, che alla fine l’ha portato ad allontanarsi dal mondo della televisione.

Den Harrow sulla carriera da cantante

È proprio durante una sua lunga intervista al programma radiofonico L’Italia s’è desta su Radio Cusano Campus che Harrow, il cui vero nome è Stefano Zandri, ha parlato del suo successo passato e di quello che poi ha segnato la sua carriera.

“Gli anni ’80 non se ne sono mai andati, siamo gli ultimi esponenti di una pop-dance che non c’è più”, ha dichiarato.

Più tardi, confessa che in realtà non avrebbe voluto fare il cantante. Il suo sogno, infatti, era quello della danza. Amava ballare nei locali, era un assiduo frequentatore di discoteche, e quando cominciava a muoversi, tutte le ragazze gli si avvicinavano. “Un produttore mi diede una canzone già pronta da cantare e purtroppo andò bene. Se tornassi indietro non farei più Den Harrow perché mi ha tolto più di quello che mi ha dato”, continua.

Harrow e quella popolarità che l’ha rovinato

Harrow ribadisce più e più volte di non aver mai voluto la popolarità, anzi, di averla odiata. Ad esempio, si lamenta del fatto che mentre i suoi amici erano a divertirsi, lui doveva prendere quattro aerei e cambiare innumerevoli stanze d’hotel: “Se non fossi stato Den Harrow nessuna delle mie mogli sarebbe andata in tv a inventarsi che io la picchiavo”, dice in merito alle vicende che negli ultimi anni l’hanno coinvolto da vicino. Pare, insomma, stando alle sue parole, di non aver tratto nulla di buono dal suo successo.

Lo sfogo sul pianto a L’Isola dei Famosi

Poi quel pianto durante una puntata de L’isola dei Famosi, un pianto nostalgico, dovuto anche alla situazione di stress in cui i naufraghi sono costretti a vivere: “Al pubblico è bastato un pianto per farmi massacrare, fino a un giorno prima mi adorava e ballava con i miei dischi. Mi hanno preso per il cul* per anni anche per strada, per tutti ero quello che piangeva all’Isola”, sostiene. Questo e gli insulti sui social non hanno fatto altro che contribuire all’allontanamento dal mondo dello spettacolo e anche dall’Italia.