Un'anziana di Milano era un'ereditiera: tutti pensavano fosse povera

I vicini di casa della signora Raffaela residente a Milano erano convinti che la donna vivesse in ristrettezze economiche. Invece, si è scoperto dopo la sua morte che questa donna 78enne era una ricca ereditiera con un patrimonio di 2,7 milioni di euro.

Una donna che nessuno conosceva veramente

La 78enne originaria di Tripoli aveva avuto un ricco lascito dal suo defunto marito venuto a galla dopo che la signora è deceduta.

Milano: era ricca ma tutti pensavano di no

Immagine di repertorio

Malata di tumore, la donna non aveva mai voluto farsi visitare da un medico ed era rimasta sempre nel suo appartamento di cui era proprietaria in un condominio di Milano in cui possedeva anche un altro alloggio, come hanno raccontato gli altri condomini che la conoscevano: “La malattia aveva debilitato Raffaela negli ultimi anni.

Probabilmente soffriva per un tumore, ma non ha mai voluto vedere un medico: si è sempre rifiutata“. I suoi vicini di casa l’hanno descritta al Corriere della sera come una donna “di grande cuore ma che non diceva mai nulla di se stessa e negli ultimi tempi si era ritirata in uno dei suoi due appartamenti“.

Probabilmente, è stata proprio la sua riservatezza a creare il qui pro quo sulla sua situazione economica.

La ricca eredità di Raffaela

Dopo la sua morte, i vicini di casa si sono attivati per capire se avesse fatto testamento e per sapere a chi avesse lasciato i due alloggi che possedeva nel condominio sito in Via Lulli a Milano in cui viveva.

Un'anziana di Milano era ricca ma tutti credevano fosse povera

Immagine di repertorio

Pare infatti che le proprietà immobiliari della signora siano state scoperte solo grazie alla corrispondenza con l’amministratore del condominio. I vicini di casa in ogni caso si dicono vicini alla svolta: sono sicuri di essere in procinto di trovare i legittimi eredi della signora cui andrà il suo ricco patrimonio quantificato in 2,7 milioni di euro e composto da diverse proprietà immobiliari situate nei pressi di Bergamo, Mantova, Como e Milano e ben due società immobiliari intestate alla 78enne.