Kevin Spacey cauzione

Aveva chiesto di non comparire in tribunale per evitare la gogna mediatica, ma Kevin Spacey ha ottenuto un secco no dal giudice della District Court. Così, circondato da una folla di giornalisti, microfoni e flash, l’attore di House of Cards si è visto costretto a presentarsi nella gremitissima aula del processo che lo vede accusato di molestie sessuali. Un processo che, almeno in questi primi passi, non sembra aver preso la strada desiderata dal premio Oscar che, al momento, rischia 5 anni di carcere.

I fatti e le decisioni del giudice

I fatti risalgono al 2016.

All’epoca, Spacey avrebbe “allungato le mani” su un diciottenne durante un incontro avvenuto in un bar. A denunciare il fatto è stata la madre del ragazzo, una ex giornalista di Boston, Heather Unruh. Il caso, reso ancora più eclatante dall’onda dello scandalo Weinstein, ha letteralmente stravolto la vita di Spacey che si è visto costretto a fare coming out, rispondere ad altre accuse mosse da giovani attori e rinunciare al ruolo di protagonista in una delle serie di maggior successo degli ultimi anni.
Il giudice del tribunale di Nantucket (Massachusetts) ha ordinato all’attore 59enne di non potersi avvicinare al giovane uomo.

Se le accuse dovessero trovare conferma, Spacey non si limiterebbe a rischiare il carcere per 5 anni ma avrebbe anche l’obbligo di registrarsi come molestatore sessuale.

Kevin Spacey arriva al processo

Kevin Spacey arriva al processo – frame da video: RepTV

La posizione della difesa

Alan Jackson, “squalo” del foro Californiano e avvocato di Kevin Spacey deve vedersela con un altro pezzo da novanta: Mitchell Garabedian, avvocato dell’accusa che ha già assistito il Boston Globe nell’inchiesta sulla pedofilia dei preti cattolici del 2002.

 Pare che Spacey sia rimasto in silenzio, ma già a dicembre si era dichiarato innocente. L’avvocato di Spacey ha ottenuto la conservazione dei dati dello smartphone del giovane e della fidanzata, riferiti entro l’arco temporale di sei mesi dalla presunta molestia. A quanto pare, inoltre, la linea della difesa sembra puntare molto sulla questione “alcol”. Spacey, infatti, quella sera al bar, avrebbe chiesto al diciottenne se avesse l’età per bere. Il ragazzo avrebbe mentito dichiarandosi un 23enne e Spacey gli avrebbe così offerto birre e superalcolici.

La questione va adesso verificata dal giudice che, intanto, ha rilasciato Spacey su cauzione e gli ha concesso di non prendere parte alla prossima udienza fissata per il 4 marzo.

Kevin Spacey in House Of Cards

Kevin Spacey in House Of Cards