Jayme Closs (Foto Facebook)

Son passati 88 giorni da quel fatidico 15 ottobre, il terribile giorno che le ha cambiato la vita. Quasi tre mesi fa, la tredicenne Jayme Closs è stata rapita, subito dopo l’omicidio dei suoi genitori James e Denise. Jake Thomas Patterson ha violentemente ucciso a colpi di pistola i coniugi Closs in casa loro, per poter rapire la ragazza. Tutto è avvenuto a Barron, nel Wisconsin- Stati Uniti, dove la famiglia abitava. Una vicenda terribile che ha sconvolto l’America, e che lo scorso giovedì ha tirato un sospiro di sollievo: la ragazza è viva e di nuovo libera.

Tre mesi di prigionia, poi la libertà

Il suo rapitore l’ha tenuta prigioniera per tre lunghi mesi nella sua casa a Gordon, cittadina distante un centinaio di km da Barron, nel nord dello Stato. Lo scorso giovedì Jayme è riuscita a liberarsi e a scappare, vagando sperduta fino a quando è stata trovata da una donna che portava a spasso il cane. Quest’ultima l’ha riconosciuta e l’ha portata al sicuro a casa dei vicini della giovane, che hanno chiamato la polizia. Nonostante gli evidenti segni di sofferenzamalnutrizione e sporcizia, non c’erano dubbi che si trattasse della ragazza scomparsa. Nel giro di mezz’ora gli agenti hanno trovato il rapitore e l’hanno arrestato, grazie alla descrizione della sua auto fornita dalla vittima.

Jayme Closs

Jayme Closs (Foto: Facebook)

La gioia dopo il ritrovamento

La ragazza, dopo gli accertamenti in ospedale e l’interrogatorio della polizia, è stata affidata alla zia Sue Allard. La donna ha rivelato alle fonti locali l’estrema gioia provata quando ha sentito la notizia del ritrovamento della nipote alla televisione. Sulla vicenda si è espressa Elizabeth Smart, anch’essa vittima di rapimento nel 2002. Era stata prigioniera per 9 mesi, dunque sa bene cosa possa aver passato Jayme Closs. Infatti, l’ha definita una coraggiosa sopravvissuta. I casi di rapimento non sempre si concludono con un lieto fine, ma questa volta per fortuna è andata così.

Il killer-rapitore Jake Patterson

Il killer-rapitore Jake Patterson (Foto: Barron County Sheriff’s Department)

Il rapitore attende il processo in prigione

Ora il 21enne Patterson dovrà rispondere della duplice accusa di omicidio e sequestro di persona. Il rapitore è un uomo di 21 anni, disoccupato e non ha precedenti penali. Al momento non è ancora chiaro il movente, anche perché non è risultato esserci alcun legame con la famiglia Closs. Le ricerche son state difficoltose, poiché il sospettato si è tenuto ben nascosto ed ha attuato il suo piano meticolosamente. Prima del ritrovamento della 13enne, gli agenti hanno ricevuto diverse segnalazioni su presunti avvistamenti rivelatisi poi dei falsi allarmi. Ciò ha depistato le indagini per un po’, ma alla fine, fortunatamente, Jayme Closs è salva e il suo assalitore consegnato alla giustizia.