massimiliano-ossini

Massimiliano Ossini è uno dei volti più amati di casa Rai. Al momento il conduttore si divide tra Mezzogirono in Famiglia e la nuova edizione di Linea Bianca.

Raggiunta la soglia dei 40 anni Ossini ha deciso di concedersi ad un’intervista pubblicata dal settimanale DiPiù. Qui il volto Rai ha raccontato il suo privato, l’inizio della sua carriera e l’amore per la sua famiglia. Ovviamente non sono mancati momenti difficili, come quando diagnosticarono il cancro alla moglie, proprio mentre la coppia aspettava il suo terzo figlio.

Il momento più difficile

La diagnosi di tumore alla tiroide per la moglie di Ossini, giunse in un momento delicato: Laura all’epoca era incinta.

Ci consigliarono di interrompere la gravidanza per consentirle di curarsi, ma noi decidemmo di andare avanti” ricorda Ossini.

ossini-e-moglie

Massimiliano Ossini e la moglie Laura. Fonte foto: Viagginews

La paura era comunque tanta e correva a fior di pelle. “Quando fummo sicuri che il bambino non correva rischi, Laura fu operata. Furono giorni terribili: ho davvero temuto di perdere tutto…” spiega Massimiliano ricordando tutte le difficoltà che la sua famiglia fu costretta ad affrontare.

Per fortuna andò tutto per il meglio. “Ho avuto la fortuna di diventare padre tre volte e ogni volta è stata un’emozione diversa” ha detto a DiPiù il conduttore.

La carriera di Ossini

Ossini è un po’ il padrone del week end in casa Rai. Ogni sabato e ogni domenica a partire dalle 11:00 lo ritroviamo su Rai2 con Mezzogiorno In Famiglia. Mentre il sabato pomeriggio, a partire dalle 14.00 è impegnato con Linea Bianco. Ed in oltre ha anche la pubblicazione di un libro all’attivo, Kalipè-Lo spirito della montagna.

ossini-massimiliano

Eppure la strada per il successo non è stata sempre aspide. Ossini ricorda gli esordi della sua carriera. “Mentre mi recavo al provino fui aggredito da un cane. Me la cavai solo con una grande paura, ma al provino ero ancora terrorizzato e mi misi a raccontare quello che mi era successo. Pensai che fosse andata malissimo, ma invece…“.