Torino_ paziente operato con successo grazie a un robot

Un intervento difficilissimo, un paziente di 74 anni e un rischio molto alto. Queste le premesse di un’operazione riuscita con successo a Torino, presso l’ospedale Molinette. Per la prima volta al mondo, il robot chirurgico “Da Vinci” è stato utilizzato per asportare la prostata su un paziente con doppio trapianto di rene.

Torino: paziente operato con successo grazie a un robot

Il caso clinico era complesso, il paziente, un uomo di 74 anni ricoverato nel reparto di urologia doveva essere operato per un tumore alla prostata, quindi essere sottoposto ad una prostatectomia.

Un intervento che nel caso specifico del paziente si sarebbe rivelato maggiormente difficoltoso, poiché c’era un alto rischio di sanguinamento per problematiche cardiologiche; il paziente era reo di un doppio trapianto renale. Una situazione che ha spinto i suoi chirurghi, il professor Paolo Gontero, direttore dell’Urologia universitaria, e il dottor Marco Allasia a scegliere l’utilizzo del robot “Da Vinci”. L’intervento è riuscito con successo e il paziente si sta riprendendo nel reparto di Nefrologia.

Che cos’è “Da Vinci”

La tecnologia robotica Da Vinci altro non è che un robot ideato nel 1999 dalla Intuitive Surgical.

Nel corso degli anni Da Vinci è diventato un partner fondamentale per il mondo della chirurgia; i suoi ideatori lo chiamarono Da Vinci, in omaggio al genio di Leonardo.

Il robot Da Vinci. Credits ANSA

Il robot Da Vinci. Credits: ANSA

Da Vinci non è un robot autonomo, la macchina, che è dotata di diverse braccia, su ciascuno possono essere montati gli strumenti necessari per svolgere l’operazione del caso, deve essere manovrata dal chirurgo che si preparara con lunghi training e formazioni specifiche. La macchina è inoltre dotata di uno schermo 3d, in grado di ingrandire la vista fino a 10 volte rispetto al normale occhio umano.

L’azienda che lo ha sviluppato e prodotto ha specificato ch,e come in ogni intervento chirurgico, non c’è l’esenzione da rischi.

Il robot Da Vinci. Credits ANSA

Il robot Da Vinci. Credits ANSA

Resta però il fatto che alcuni studi fatti dalla stessa Intuitive Surgical dimostrerebbero che la macchina è perfetta per operazioni come la prostatectomia (come nel caso del paziente), soprattutto guardando le perdite di sangue, la lunghezza della degenza post operatoria… Un’altra operazione per cui Da Vinci può essere utilizzato è l’isterectomia, la rimozione dell’utero.

Nel 2017 sono stati ben 18mila gli interventi eseguiti con questa tecnica, 12mila in ambito urologico.