detersivo

LECCE- Il dramma si è consumato in un bar di Castrignano del Capo. Un giovane imprenditore di 28 anni ha bevuto del detersivo che gli hanno versato per sbaglio nel bicchiere.

Repentina la corsa in ospedale, dove l’uomo è giunto in gravi condizioni. Qui i medici hanno deciso di intervenire subito, date le circostanze. Al momento il 28enne è ricoverato in

, mentre i Carabinieri cercano di fare luce su quanto accaduto al bar nella provincia di Lecce.

I fatti

Secondo una prima ricostruzione, sembra che al giovane cliente abbia richiesto al bar dell’acqua per assumere un farmaco.

Qui un cameriere abbia servito del detersivo per sbaglio. Il liquido incolore era infatti conservato in una bottiglietta dell’acqua, dettaglio che ha dato luogo al fatale equivoco.

acqua-detersivo

Immagine di repertorio

Per l’appunto, dopo aver mandato giù una sorsata di quella che credeva essere semplice acqua, il 28enne si è sentito male e ha vomitato. Subito dopo si è accasciato per terra ed è svenuto. Quindi sono stati contattati i soccorsi, giunti velocemente sul luogo del drammatico incidente. L’ambulanza ha trasportato l’uomo all’ospedale Panico di Tricase, come riporta la fonte del Quotidiano di Puglia.

L’intervento

I medici hanno constatato gravi lesioni all’esofago e allo stomaco provocate dalla sostanza tossica ingerita. La vittima è stata quindi sottoposta ad un intervento d’urgenza. Ci sono volute 5 ore, al termine dell’operazione, lo staff medico aveva asportato lo stomaco, il fegato e parte dell’esofago ormai in necrosi del paziente.

immagine-repertorio

Immagine di repertorio

Sul caso stanno indagando i Carabinieri che hanno visionato i filmati delle telecamere di sicurezza. Pare che il barista non fosse al corrente dell’abitudine del bar di conservare il brillantante per lavastoviglie in una bottiglietta dell’acqua.

Il locale è stato quindi sottoposto ad un ispezione eseguita dal Nas e dal Sian, al termine del sopralluogo è stata predisposta la sospensione dell’esercizio. Il giovane resta in prognosi riservata.