martina baker e il suo cane

Martina, una ragazza di 15 anni, rischiava di passare una vita rinchiusa in una stanza asettica, priva di finestre, completamente isolata per colpa della sua rara malattia, in cui forti odori possono scatenarle shock anafilattici. Ma la cagnolina Caiomhe le ha ridato fiducia grazie al suo fiuto che la avverte del pericolo e la salva in tempo da crisi mortali.

Una malattia rara e pericolosa

Fino a due anni prima, Martina Baker, una 15enne proveniente dallo stato del Maine, in America, conduceva una vita normalissima. Poi un giorno ha fatto una scoperta che l’ha cambiata per sempre: “Non ero allergica a nulla, poi un giorno mi sono svegliata ed ero ricoperta di bolle pruriginose”, racconta la 15enne, “Sono dovuta correre in ospedale perché ero in shock anafilattico, la gola mi si era gonfiata”.

Non riuscivamo a capire cosa avesse”, dice la madre di Martina, Loretta Morse Leighton, “La scorsa estate una puzzola ha spruzzato vicino casa nostra e abbiamo dovuto portarla all’ospedale per via di uno shock anafilattico”. Dopo aver interpellato diversi medici sulle condizioni di Martina, il dottor Jonathan Bayuk, immunologo del Massachusetts, le ha diagnosticato la sindrome da attivazione mastocitaria (MCAS), una rara malattia in cui il sistema immunitario reagisce in maniera spropositata rendendola allergica a quasi tutto.

“I get by with a little help from my friends” ? (or in this case the very best friend ever Caiomhe).

Gepostet von Loretta Morse Leighton am Donnerstag, 17. Januar 2019

“Il mio cane mi ha cambiato la vita”

Profumi, prodotti per la pulizia e lo stesso semplice calore potrebbero essere fatali per Martina Baker che quindi vive in una stanza senza finestre, protetta dal mondo esterno.

I prodotti per la pulizia sono stati banditi e i cibi si preparano fuori casa, sia in estate che in inverno. Ogni volta che esce di casa Martina deve indossare una mascherina e in più ha dovuto abbandonare la scuola e ridurre i contatti con gli amici per colpa della sua condizione. A risollevarle il morale, fortunatamente è arrivata la cagnolina Caiomhe, addestrata proprio per assisterla. Il cane infatti riesce a fiutare una serie di odori che possono essere fatali per Martina e ad avvertirla prima che si possa scatenare la crisi.

Grazie a lei, gli episodi di shock di Martina si sono ridotti notevolmente. “Caiomhe mi ha cambiato la vita”, racconta Martina, “Mi sento molto più sicura con lei accanto: finalmente posso di nuovo avere una vita sociale. Ho perso molti amici a causa della mia malattia e questo mi fa sentire molto sola, ma Caiomhe è sempre con me a proteggermi”.

martina baker e il suo cane

Foto: Loretta Leighton/SWSN.com

(Foto copertina: Facebook/Loretta Leighton)